Valentino Rossi, mondiale finito? Non proprio… E spunta quel “precedente” che risolverebbe ogni cosa… Era il 2012 e al suo posto c’era proprio il suo acerrimo nemico: Marc Marquez: ecco cosa successe…


 

Molti parlano di Mondiale finito? E forse hanno anche ragione (lo si dice per scaramanzia), perché, ineffetti, servirebbe un mezzo miracolo per vincere la gara di Valencia, uno di quelli che il dottore non ci regala da tempo. Partirà dall’ultima piazza, e poi metterà tutto quello che ha, tutto quello che gli resta. Difendere i sette punti di vantaggio è una sfida titanica. Ma c’è un precedente al quale il Dottore dovrebbe guardare con interesse. Un precedente che, per giunta, riguarda il rivale più odiato, il più scorretto, il più sporco: Marc Marquez. Lo stesso Marquez che a Sepang lo ha sfinito, calpestando lo spirito sportivo: Marc non ha gareggiato per vincere, ma per far perdere Valentino e questa non è un’ipotesi o un punto di vista: è la realtà dei fatti.

(continua dopo la foto)







Il primo precedente risale al 2012. E il fatto che riguardi proprio lo “spagnolino rancoroso”, forse, in un qualche modo, potrebbe anche dare una motivazione extra a Rossi. La coincidenza è suggestiva. Il teatro fu Valencia, la stessa Valencia in cui si correrà l’ultima gara. Marquez, allora in Moto2, partì 33esimo, ultimo, per una penalità subita proprio nella gara precedente. Ma riuscì a vincere con una partenza strepitosa e una rimonta altrettanto incredibile. Vi è poi un secondo clamoroso precedente. Riguarda Manuel Poggiali, che all’esordio in 250 partì 23esimo a Suzuka, per poi vincere quella gara, stupendo tutto, così come stupì ancora di più il fatto che Poggiali diede il merito della vittoria alla “potenza della sua moto”. Di una csa siamo certi, che tutta la nazione, quel giorno supporterà Valentino, il dottore, che abbia lui la cura per scamparla…

Ti potrebbe anche interessare: MotoGp, per Valentino Rossi non è tutto perduto. Ecco come può vincere il mondiale (anche partendo ultimo)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it