Lutto nel mondo del calcio. A 66 anni, all’improvviso, stroncato da un infarto. Protagonista, suo malgrado, di un momento che ha fatto sognare tutta l’Italia


 

C’erano Zico, Falcao e Socrates. Una squadra di mostri a cui bastava non perdere. Davanti l’Italietta che aveva finito il girone eliminatorio con tre punti, che si era sbarazzata sì dell’Argentina di un giovane Maradona ma sulla quale i dubbi restavano fortissimi. Finì 3 a 2. Tripletta di Paolo Rossi da una parte. Socrates e Falcao per i carioca. Da una parte Dino Zoff, il più vecchio vincitore di una coppa del mondo a 40 anni. Dall’altra Waldir Peres detto El gato .Un numero uno che il Brasile piange. A 66 anni è morto per infarto. A dare la notizia della sua scomparsa alla ‘ESPN’ è stata la famiglia delgiocatore, che ha spiegato come Waldir Peres sia stato vittima di un arresto cardiaco durante una festa di compleanno a Mogi Mirim, nello stato di San Paolo. Inutile il trasporto in ospedale. Il portiere entrò nel giro della nazionale brasiliana grazie alle lunga carriera nel San Paolo dove ancora oggi è al secondo posto per presenze nel club. Waldir Peres è il secondo giocatore di quella nazionale del 1982 a perdere la vita, dopo Socrates morto nel 2011. (Continua dopo la foto)







Cresciuto calcisticamente nella squadra del Garça e poi nel Ponte Preta. A 22 anni si trova a difendere la porta del São Paulo, dove rimarrà per 11 stagioni vincendo 4 Campionati Paulisti, una Copa do Brasil e u Campionato brasiliano. Nel 1975 vince la Bola de Ouro (Il pallone d’oro del Campionato brasiliano). Ha difeso la porta del Brasile in 27 partite più altre 3 non ufficiali. Negli anni settanta contende la maglia di titolare a Leão, ma sia Zagallo (per i Mondiali 1974 in Germania Ovest) che Coutinho (per quelli di Argentina ’78) gli preferiscono quest’ultimo. Il suo esordio con la nazionale avviene il 4 ottobre 1975 a Lima (Perù) in Perù-Brasile 0-2, semifinale di ritorno della Copa América. (Continua dopo le foto)




 


 

Nel 1982 Telé Santana affida a lui la difesa della porta brasiliana per il Mondiale di Spagna. L’ultima apparizione di Valdir Peres con la maglia verdeoro avviene durante questa manifestazione, nella famosa “Tragedia del Sarriá”; così infatti è ricordata, da parte brasiliana, la partita del 5 luglio 1982 Brasile-Italia 2-3, disputata a Barcellona nell’Estadio Sarriá. Ritenuto uno dei maggiori colpevoli della disfatta verdeoro ai mondiali spagnoli, proprio in seguito alla sconfitta del Sarriá non sarà mai più convocato nella Seleção.

“Addio, nostro capitano”. Lutto nel mondo del calcio. Lo hanno trovato morto nella sua stanza a soli 27 anni, una tragedia che ha sconvolto tutti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it