“Schumacher? Io ci credo”. Nessuno aveva più parlato delle condizioni dell’amato ex pilota. Ma ora è il suo grande amico a riaccendere le speranze. Come stanno le cose


 

Ogni sportivo che si rispetti, ogni tanto, rivolge un pensiero a Michael Schumacher. Sulle sue condizioni, dopo il pauroso incidente sugli sci a Maribel nel 2013, è sceso il silenzio più totale, chiesto e ottenuto con forza dalla sua famiglia. Ma oggi c’è qualcuno che parla di nuovo di lui. E che riaccende le speranze. È Gerhard Berger, ex pilota austriaco della Ferrari e grande amico di Schumacher. Lui è uno dei dei pochi a sapere le reali condizioni del campione in difficoltà. Sul Kolner Express, l’ex pilota ha dichiarato di non aver ancora perso le speranze. “Credo nel miracolo e spero tantissimo che presto potremo sentire notizie positive su Michael”, dice Gerhard, “il modo in cui la sua famiglia sta affrontando questa situazione così difficile è ammirevole. Penso che sia una storia meravigliosa il fatto che Mick (il figlio del campione, ndr) abbia ascoltato il suo cuore e voglia intraprendere la professione di pilota”. (Continua a leggere dopo la foto)



E ha continuato: “Ovviamente l’ombra di suo padre è enorme, ma lui ha il talento e l’ambiente giusto intorno a sé per gestire la pressione. È uno Schumacher e sa quello che sta facendo”. Michael Schumacher continua quindi la sua riabilitazione, senza che nessuno sappia esattamente come sta. In questi anni di silenzio, rotti solo da poche dichiarazioni ufficiali della portavoce Sabine Kehm, molti giornali hanno scritto di tutto, anche notizie false, come nel caso del tedesco Bunte che nel 2015 sostenne che Schumacher potesse camminare. A distanza di quasi due anni il tribunale di Amburgo ha condannato la testata a pagare alla famiglia un risarcimento di 50.000 euro e a sostenere il 65% dei costi per le spese legali, a cui si aggiunge una multa supplementare di 950 euro. (Continua a leggere dopo le foto)



 

Al momento non ci sono dichiarazioni ufficiali. L’ultima affermazione su Michael Schumacher, in ordine cronologico, è quella dell’amico Ross Brawn, ex Dirigente Sportivo, che circa un mese fa ha detto: “Ci sono troppe speculazioni sulle condizioni di Michael, la gran parte delle quali sbagliate. Ci sono segnali incoraggianti e stiamo tutti pregando ogni giorno perché se ne vedano altri”. A proposito di “speculazioni”, torna in mente il tentativo di un ignoto di vendere una foto di Schumacher per 1 milione di euro. La famiglia ha sporto denuncia e avvertito i giornali di non cedere alla tentazione dell’acquisto se non volevano ritrovarsi anche loro in tribunale. Intanto, lo ricordiamo, Michael si trova nella sua villa in Svizzera, dove è assistito da medici specializzati. I nostri migliori auguri a lui e ai suoi familiari.

 

Ti potrebbe anche interessare: “La situazione è complicata”. Michael Schumacher, a sorpresa parla la portavoce ufficiale del campione tedesco. Quella frase sospesa suona terrificante per i fan di tutto il mondo