“Un caso unico nella storia”. Il corridore è in testa e sta vincendo la gara, ma quello che succede dopo l’ultima curva lascia il mondo senza parole: “È impossibile!”, esclama il cronista. Il video è il più virale del momento, il motivo? beh, guardate qua


 

Questa sì che è una storia degna di essere raccontata nei minimi particolari. Siamo in Irlanda e Aengus Meldon è all’ultima curva prima del traguardo, a poche centinaia di metri c’è il titolo universitario irlandese degli 800 metri. Una grande soddisfazione, mesi, anni di allenamento per raggiungere una meta che è lì, a portata di piede, talmente vicina e certa che già si sente l’odore della vittoria e di una bella Guinness al pub con gli amici per festeggiare. Ma niente di tutto ciò avverrà. Nessun titolo, nessuna vittoria, nessuna birra e quindi nessuna gioia. Quello che succede subito dopo quell’ultima curva è impressionante, probabilmente il primo caso nella storia dell’atletica moderna: una vicenda talmente curiosa che ha sbalordito non solo l’Irlanda, ma a quanto pare il mondo intero. Ma eccolo Aengus che a poche falcate dal traguardo, sul rettilineo finale di arrivo, capisce che le cose per lui, oramai, sono andate in una maniera imprevedibile e maligna. Dal nulla ecco arrivare, a tutta forza, sul proprio volto, un qualcosa di elastico che prima gli si aggroviglia sul viso, poi scende fino quasi a fermare le gambe che stavano andando come non mai. (Continua dopo la foto)



Ora facciamo come in un film, torniamo qualche secondo indietro e cambiamo storia e inquadratura. A pochi metri da lui, un altro atleta sta per saltare con la sbarra, forse una prova, nessuno capisce in quel momento cosa stia capitando, ma il salto non va come previsto e il lungo legno cade sull’asta orizzontale che per qualche strano motivo schizza in prossimità del povero corridore che rimane letteralmente bloccato. Solo dopo si farà chiarezza sull’accaduto decretando che in realtà si trattava di una sbarra flessibile usata per gli allenamenti di salto con l’asta. Meldon ha visto così il suo titolo universitario sfumare per una sfortunata coincidenza.

(Continua dopo la foto e il video)


 

Si può consolare con la grande popolarità che l’incidente gli sta causando. Il video della sua sfortunata cavalcata finale è infatti diventato virale e gira su social e siti di tutto il mondo. Inutile dire che il popolo del web si è schierato dalla parte del giovane atleta richiedendo, a forza di tweet e commenti, la vittoria di Meldon o quantomeno di annullare e far ricominciare la gara. Qualcuno ascolterà la loro richiesta? Staremo a vedere…

Ti potrebbe anche interessare:  “Era pericoloso e pronto a colpire”. La doppia vita del pugile, finito in manette con quella terribile accusa: tutto quello che è emerso sul passato dell’atleta