Cori razzisti dei genitori contro i baby calciatori: un ragazzino lascia il campo in lacrime…


 

Allarme razzismo sui campi da calcio. E stavolta l’episodio è ancora più grave perché ha come dei baby calciatori, tutti under 10. Nella giornata di Pasqua, durante la Universal Cup, torneo dedicato alle piccole promesse del calcio, disputato in Versilia, alcuni giocatori di colore del Milan, che sfidava i francesi del Paris Saint-Germain, sono stati fischiati dai genitori che assistevano al match dagli spalti.

La notizia, pubblicata dal Corriere della Sera, ha fatto il giro del mondo perché il procuratore Mino Raiola ha denunciato i fischi e i presunti cori razzisti con una serie di tweet arrivati nella notte di domenica. “Sosteniamo i ragazzi, i razzisti sono ignoranti e deboli”, ha scritto il procuratore, uno dei più noti agenti della Fifa in Italia e nel mondo.

Domenica i bambini del Milan hanno vinto nei quarti contro i francesi per 4 a 0 (sono poi approdati alla finale, che hanno vinto contro l’Inter nella giornata di Pasquetta, sempre per 4 a 0). Dagli spalti diversi genitori di varie altre squadre del torneo hanno coperto con ululati e fischi i giocatori della formazione rossonera. L’episodio si è poi ripetuto anche in semifinale, con dei fischi questa volta, e uno dei ragazzini è uscito dal campo piangendo.

Ti potrebbe interessare anche:“Mangia banane”. Per l’Uefa fu razzismo: sei mesi di squalifica a Tavecchio