Il giallo di Alberto, numero 2 del surf mondiale. Trovato morto a Tenerife durante gli allenamenti


Tragedia nel mondo sportivo trentino. Il campione di windsurf Alberto Menegatti, 30 anni il prossimo 4 aprile, è stato trovato morto nell’appartamento di Tenerife, in Spagna, che aveva preso in affitto lo scorso dicembre per gli allenamenti sull’isola spagnola. Menegatti era vice campione del mondo nella specialità funboard ed è stato trovato cadavere dagli amici, preoccupati per l’assenza dall’allenamento quotidiano. Al momento non vi sono elementi che facciano pensare a una morte violenta: quasi certamente il giovane sportivo è stato stroncato da un malore, ma le indagini della polizia proseguono. Domani è in programma l’autopsia disposta dalle autorità spagnole. La notizia ha creato grande sconcerto nella comunità torbolana e degli appassionati di surf. Nel 2013 Menegatti è diventato il primo italiano nella storia a laurearsi vice campione mondiale, il primo azzurro a conquistare la vittoria in una tappa della Coppa del Mondo e anche il più giovane in assoluto. E proprio quest’anno puntava al titolo iridato.

Spunta uno squalo tra le surfiste e si esibisce in acrobazie…