Papa Francesco, sorpresa ai “bimbi sperduti” di Manila


Novità dal viaggio di Papa Francesco nelle Filippine. Il portavoce del Vaticano, Padre Federico Lombardi non ha dubbi: l’incontro con i bambini di strada, il 16 gennaio a Manila, ha toccato il cuore di Francesco. “E’ stata una giornata che è andata in crescendo” , ha detto Lombardi, “ma c’è stato in mezzo anche un altro piccolo incontro significativo con i bambini di strada, in una casa dove sono ospitati”. La visita a più di 300 “bimbi sperduti” della capitale filippina è avvenuta presso la fondazione Anak-Tnk, diretta da un giovane sacerdote francese don Matthieu Dauchez, francese di 39 anni e direttore della fondazione. E i piccoli hanno lasciato esplodere la loro gioia vedendo Francesco varcare la soglia della loro “casa” per una visita che avevano chiesto, ma che non pensavano si sarebbe concretizzata.

(continua dopo la foto)








E davanti alla sorpresa, è esplosa una vera e propria euforia. “Questi bambini, poveri tra i poveri sono probabilmente le vittime più vulnerabili della nostra società. Ma rimangono per noi maestri di gioia,come potete immediatamente constatare sui loro volti sorridenti”, così, commosso, ha confidato don Matthieu al Santo Padre. Papa Francesco moltiplica senza sosta i richiami di porsi all’ascolto dei più poveri. Questa visita ai bambini che hanno conosciuto l’orrore della strada : accattonaggio, violenza, droga, prostituzione, dà la prova ancora una volta che è veramente il Papa dei dimenticati. “È una cosa straordinaria… ho anche potuto stringerlo forte tra le mie braccia.” ha detto con allegria Alvin, 10 anni. I bambini speravano infatti di poter incontrare il Papa: nello scorso settembre Anak-Tnk ha lanciato la campagna “Even us ?” nella quale più di 1000 lettere dei bambini sono state mandate al Papa.

Ti potrebbe anche interessare: Filippine, il lato oscuro della visita di Papa Francesco: ecco cosa hanno fatto ai bambini di strada

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it