Topone, patatona, cucciolo… chi non ha mai usato un vezzeggiativo? Ecco perché


Topone, micione, cucciolotta, patatone. Per molti i vezzeggiativi e le alterazioni sdolcinate dei nomi nei rapporti di coppia hanno un effetto urticante. Ma c’è un motivo o una colpa (fate vobis) e sono i genitori, soprattutto la mamma. Infatti quando siamo bambini veniamo chiamati spesso con questi nomi dai nostri genitori per motivi affettivi e protettivi.

(Continua a leggere dopo la foto)







Questo modo di trasmettere affetto attiva la dopamina, un neurotrasmettitore endogeno, responsabile della piacevole sensazione di benessere che proviamo quando riceviamo coccole e tenerezze da bambini. Questo fenomeno rimane uguale quando siamo grandi, maturi e innamorati. E i vezzeggiativi riattiverebbero, sentendoli, le stesse sensazioni che abbiamo provato nell’infanzia, evocando quindi intimità e forte affetto che riflette il sentimento che proviamo nei confronti del partner. 

Leggi anche: 10 film da (ri)guardare per sopravvivere alla fine di un amore

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it