Coronavirus, il governo ha finalmente deciso riguardo le visite agli amici


Gli amici sono da considerarsi persone “legate da un solido legame affettivo” che si potrà incontrare da lunedì? Alla fine Palazzo Chigi lo ha dovuto spiegare perché non era per niente chiaro. Certamente i familiari, consanguinei e acquisiti, ma alla fine anche fidanzati compagni, conviventi. Ecco la lista pubblicata sul sito del governo: i coniugi, i partner conviventi, i partner delle unioni civili, le persone che sono legate da uno stabile legame affettivo, nonché i parenti fino al sesto grado (come, per esempio, i figli dei cugini tra loro) e gli affini fino al quarto grado (come, per esempio, i cugini del coniuge).

Nelle risposte alle domande frequenti – Faq – Palazzo Chigi dà l’indicazione del senso di queste visite che sarà possibile fare: sempre limitate al massimo, non un avanti e indietro tra case di familiari, parenti e affini ma incontri dettati da necessità e sempre protetti. (Continua a leggere dopo la foto)






Per farla semplice: il parente stretto che non vedete da due mesi e che ha bisogno di un po’ di conforto o di aver portato qualcosa o anche due fidanzati rimasti lontani. Ma niente di più. Non gli amici che “non rientrano tra gli stabili legami affettivi” che giustificano gli spostamenti, precisano fonti di governo. (Continua a leggere dopo la foto)






Nel nuovo dpcm si precisano i vincoli di parentela ma resta un margine di interpretazione per quanto riguarda gli “stabili legami affettivi”: non si possono ritenere inclusi, spiegano fonti governative interpellate al riguardo, gli amici. Ecco cosa scrive Palazzo Chigi: “Sono consentiti gli spostamenti per incontrare esclusivamente i propri congiunti, che devono considerarsi tra gli spostamenti giustificati per necessità. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Il consiglio sempre lo stesso: è comunque fortemente raccomandato limitare al massimo gli incontri con persone non conviventi, poiché questo aumenta il rischio di contagio. In occasione di questi incontri devono essere rispettati: il divieto di assembramento, il distanziamento interpersonale di almeno un metro e l’obbligo di usare le mascherine”.

Ti potrebbe anche interessare: Coronavirus, impennata di decessi: il numero dei morti è di nuovo alto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it