Luce e gas, stanchi di bollette da incubo? Basta seguire poche e semplici regole per limitare il consumo e risparmiare parecchio senza nemmeno accorgersene. Ecco quello che c’è sapere


 

Arriva il decalogo delle buone pratiche per ridurre fino al 10% i consumi energetici e risparmiare fino al 40% sulla bolletta. A metterlo a punto è l’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo sostenibile. La prima regola identificata dagli esperti dell’Enea è calcolare la temperatura dell’ambiente in base all’utilizzo degli spazi e al numero delle persone presenti, quindi arieggiare spesso le stanze per garantire un ambiente salubre, bastano pochi minuti per rinnovare l’aria. Le luci poi, indica l’Agenzia, vanno accese solo nelle stanze che utilizzi e dopo l’uso, spegnere gli elettrodomestici dall’interruttore generale perché in stand-by continuano a consumare energia elettrica. L’Enea sottolinea anche di utilizzare la lavastoviglie solo a pieno carico, inoltre, con più tempo a disposizione, sarà più facile lasciare l’automobile in garage, usare i mezzi pubblici per spostarsi oppure cogliere l’occasione per fare una salutare passeggiata. (Continua a leggere dopo la foto)



Se si pensa di regalare o regalarsi nuovi elettrodomestici e smart utility, si potrà risparmiare fino al 40% sui consumi con i modelli più efficienti, quindi, suggeriscono gli esperti Enea, occhio alle etichette energetiche. Ma non solo. La bolletta va giù con cronotermostato e rilevatore di presenza. Un altro buon consiglio è di utilizzare un cronotermostato ambiente che permette di programmare il funzionamento dell’impianto di riscaldamento e di consumare solo l’energia necessaria a soddisfare i propri bisogni.

(Continua a leggere dopo le foto)

 



 

Per ridurre i consumi di energia, basta acquistare anche i rilevatori di presenza – che controllano automaticamente l’accensione e lo spegnimento della luce in base alla presenza di persone all’interno di un ambiente – e prese intelligenti che misurano il consumo dei dispositivi collegati e ne permettono il controllo remoto attraverso smartphone e Pc. E se si va in vacanza, i ricercatori dell’Enea ricordano di spegnere l’impianto di riscaldamento – se si ha il cronotermostato si può inserire la funzione ‘vacanza’ e programmare l’accensione qualche ora prima di rientrare – e staccare tutti i dispositivi collegati alla rete elettrica.

Caffeina News by AdnKronos

www.adnkronos.com