Ha visto quello scempio e non ha resistito: ha scattato una foto e l’ha postata sui social. Ma forse Chef Rubio, stella dello street food, non si aspettava tanto (giusto) clamore. E invece ha fatto centro


 

All’anagrafe è Gabriele Rubini ma per tutti è solo Chef Rubio. Ex rugbista e cuoco, è diventato una stella dello street food, merito anche del suo seguitissimo programma in onda su DMax Unti e Bisunti. Ma è una star anche dei social network, perché è tramite il suo account Instagram che parla ai suoi fan. Parla di cibo, ovvio, di buona cucina, di tradizioni e di scoperte che fa in giro per il mondo ma sempre col suo linguaggio colorito e senza filtri. Ed è stato uno dei suoi ultimi post a balzare agli onori della cronaca. È uno sfogo quello che Chef Rubio ha affidato ai social, pubblicando l’immagine, squallida e triste, di un cassonetto di Milano riempito fino all’orlo di pizzette e avanzi di aperitivi con sotto, nella didascalia, un’invettiva contro lo spreco e lo svilimento del cibo. Lo scatto ha raccolto in poco tempo più di 5300 like e oltre 200 commenti. E quindi, come si suol dire in questi casi, il mitico Rubio ha colto nel segno. (Continua a leggere dopo la foto)

 



”Questa foto l’ho scattata qualche giorno fa a Milano, ed è l’emblema della società che ormai abbiamo intorno a noi – scrive Rubio sotto alla foto della pattumiera – Il cibo purtroppo si è sempre sprecato, ma ora più che mai e’ diventato l’incontro dell’effimero, del vuoto cosmico e una religione da seguire pedissequamente, pena il blocco dai social… finché andrete ad aperitivare senza senso in giro (ao namo la’ che famo tappo così risparmiamo), in locali scadenti, per far cassa questi vi offriranno senza sosta cibo ancor più scadente che manco li cani, e che inesorabilmente finirà nel pattume ogni notte così fino a chiusura locale (se spera )…”.

(Continua a leggere dopo il post)

 

Questa foto l’ho scattata qualche giorno fa a Milano, ed è l’emblema della società che ormai abbiamo intorno a noi. Il cibo purtroppo si è sempre sprecato, ma ora più che mai e’ diventato l’incontro dell’effimero, del vuoto cosmico e una religione da seguire pedissequamente, pena il blocco dai social… finché andrete ad aperitivare senza senso in giro (ao namo la’ che famo tappo così risparmiamo), in locali scadenti, per far cassa questi vi offriranno senza sosta cibo ancor più scadente che manco li cani, e che inesorabilmente finirà nel pattume ogni notte così fino a chiusura locale ( se spera )… un appello a voi popolo dei risvoltini e dal click facile che uscite solo per non sentire la puzza della solitudine che ve se magna…per favore, state a casa se potete, cucinate per gli amici ( se ne avete ) che così facendo risparmierete soldi e salute… e magari potrete fare la battaglia a chi commenta più ferocemente un piatto ( come sempre, senza cognizione di causa ) come vi hanno insegnato in TV e darete un senso alla vostra giornata. Con amore, il vostro più acerrimo nemico #ferocemente #risvoltini #hipster #radical #chic #chicago #chiraq #cicago #milano #da #bere #spariamo #ve #se #bevano #una #volta #per #tutte #fashion #fashionblogger #foodporn #foodblogger #footjob #magari #rubiochef #soffiamoviagliabusi #rockstar #troll

Una foto pubblicata da rubiochef (@rubiochef) in data: 15 Nov 2016 alle ore 06:44 PST

Quindi, prosegue il post, l’appello del conduttore di Unti e Bisunti: ”Un appello a voi popolo dei risvoltini e dal click facile che uscite solo per non sentire la puzza della solitudine che ve se magna…per favore, state a casa se potete, cucinate per gli amici (se ne avete) che così facendo risparmierete soldi e salute… e magari potrete fare la battaglia a chi commenta più ferocemente un piatto (come sempre, senza cognizione di causa) come vi hanno insegnato in TV e darete un senso alla vostra giornata. Con amore, il vostro più acerrimo nemico”. Chiaro, no?

Potrebbe anche interessarti: “Ruba!”. Il famoso attore (ex sex symbol) è stato sorpreso a prendere cibo dai piatti dai clienti che erano nel suo stesso locale (che sono rimasti allibiti). Ma sta bene? Così trasandato e malconcio, si riconosce a malapena