“Non gettate la droga nel bagno”. Lo strano appello della polizia e il motivo


L’appello della Polizia statunitense è diventato subito virale. Ma non per la paura, il clamore o l’allarme che ha suscitato. Ma per le risate e l’incredulità che ha generato. Siamo nel Tennessee, negli USA, quando il Dipartimento di Loretto ha deciso di pubblicare sulla propria pagina Facebook un comunicato che, in molti, pensavano fosse frutto di uno scherzo: “Per favore, smettete di buttare la metanfetamina nel gabinetto”. I commenti sotto questo post sono infatti tutti tra l’ilarità e lo sconvolto.

In pochissime ore le condivisioni sono diventate migliaia e mi piace si sono moltiplicati. Anche perché non vi abbiamo detto una parte saliente di questo comunicato: il suo collegamento con un particolare animale che vive in questa zona. Stiamo parlando dell’alligatore. Ricordate le leggende metropolitane dei coccodrilli dentro il water di casa? Ecco, magari non entreranno direttamente nelle dimore degli americani. Ma un collegamento tra le due cose c’è eccome. Continua a leggere dopo la foto.







Le sostanze stupefacenti, spiegano gli esperti e le Forze dell’Ordine, una volta disciolte nel liquido vengono diffuse, dalle fognature, in fiumi e canali. Così facendo potrebbero finire direttamente nell’organismo della fauna selvatica che, in questi parti, annovera anche pericolose specie di coccodrilli. Che stimolate da questi composti, potrebbero avere reazioni particolari e attaccare l’uomo. La questione sarebbe nata da un blitz antidroga, avvenuto lo scorso fine settimana. L’indagato, quando ha sentito arrivare la polizia, ha deciso di buttare tutta la droga in suo possesso nel gabinetto. Continua a leggere dopo la foto.




Una scena che abbiamo visto tante volte in film simili. E infatti la polizia era preparata e ha bloccato tutto. Ma non solo: ha deciso anche di informare tutta la popolazione sui rischi di questo particolare comportamento. “Chiunque sia a conoscenza di traffico di stupefacenti, ci faccia una segnalazione. Inoltre, se avete in casa dei farmaci scaduti, portateli nei centri di smaltimento” ha spiegato il Comandante, soffermandosi anche sull’impossibilità, da parte degli addetti alle fognature, di purificare le acque dalle sostanze stupefacenti. Continua a leggere dopo la foto.


“Abbiamo già avuto modo di vedere l’effetto di metanfetamina su anatre e oche nel nostro territorio. Per questo non possiamo immaginare cosa potrebbe fare un alligatore in quello stato”. L’allarme, insomma, è stato lanciato. Già sarebbe spiacevole incontrare per strada un coccodrillo, figuriamoci farlo se è in crisi d’astinenza da droga.

Prete scaraventato giù dal palco durante la messa: il gesto assurdo della ‘fedele’

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it