Uno sparo in testa e la tragedia. Lo chef stellato si suicida: aveva 44 anni ed era stato premiato di recente. ”Un’immensa perdita per tutto il mondo della gastronomia”


 

Lo chef franco-svizzero Benoit Violier si è ucciso con un’arma da fuoco nella sua casa di Crisser, nel distretto di Losanna, in Svizzera. Tra i migliori cuochi del mondo a soli 44 anni, era chef di quello che di recente era stato classificato come il miglior ristorante del mondo, quello dell’Hotel de Ville di Crissier, nel distretto di Losanna. Aveva sostituito nella cucina del famoso ristorante Philippe Rochat, venuto a mancare lo scorso anno. 

(Continua a leggere dopo la foto)



Stando alla ricostruzione della polizia elvetica, Violier si sarebbe tolto la vita sparandosi in testa: ignote, al momento, le cause del gesto. Per lo chef Numix si tratta ”di un’immensa perdita per tutto il mondo della gastronomia; era uno chef – ha detto – all’apice della sua arte”. Condoglianze anche dallo chef Guy Martin e dagli esperti della Guida Michelin, tra i primi a rendere omaggio a ”uno chef di immenso talento”.

”Chiudete il seggio elettorale, guardate cosa abbiamo trovato dentro…”