Avete mai versato un po’ di aceto nella lavatrice? È ora di provare, perché dopo aver visto i risultati non riuscirete più a farne a meno


 

Per un ottenere un bucato pulito e disinfettato a regola d’arte esistono dei rimedi semplici e naturali che, forse, ignorate. Come è noto, infatti, i residui di acqua, sporco, sapone e calcare non solo favoriscono il proliferare dei cattivi odori, ma, a lungo andare, rendono anche la lavatrice poco efficiente e i risultati si ripercuotono poi sui capi lavati. Scopriamo allora in che modo possiamo far tornare come nuovo l’elettrodomestico.

(Continua a leggere dopo la foto)



Intanto, e dovremmo farlo tutti almeno una volta ogni sei mesi, bisognerebbe pulire il cestello facendo un lavaggio con acqua e sale grosso e, nei casi peggiori, anche con l’aceto di vino bianco e il bicarbonato di sodio. In questo modo si eliminano i batteri al 100%. Per pulire invece l’oblò, soprattutto le guarnizioni interne di gomma dove si accumula con facilità tutto lo sporco, basta usare uno spazzolino da denti con una pasta al bicarbonato. Stesso metodo anche per eliminare la sporcizia dal filtro. Se sono presenti incrostazioni di calcare, è preferibile immergerlo prima in acqua e aceto bianco per un paio di ore.

L’aceto, poi, è un ottimo alleato per pulire e disinfettare anche la vaschetta del detersivo, per tenere anche il calcare il più lontano possibile. Per prevenirne la formazione, infine, ad ogni lavaggio basterà aggiungere un cucchiaino di bicarbonato di sodio al comune detersivo. Seguendo questi metodi, rimarrete sorpresi dai risultati, che si manifesteranno già dal primo lavaggio.

Potrebbe anche interessarti: Cosa succede se ti massaggi cosce e glutei con l’aceto? Qualcosa di miracoloso…