Angelina Jolie non ci sta e lascia la fondazione resa celebre da Lady Diana. Il motivo? Un giro di soldi che poco ha a che fare con gli scopi benefici…


 

Halo Trust è una fondazione benefica che ha come priorità la messa in sicurezza delle aree di guerra. Era stata la principessa Diana a renderla famosa quando si fece immortalare, nel 1997, mentre camminava in un campo minato in Angola. Dopo Lady Diana è stata Angelina Jolie a prendere a cuore l’iniziativa. L’attrice, che è impegnata su diversi fronti nel sociale, ha però lasciato la fondazione a maggio scorso, anche se è stato reso noto solo oggi.

(Continua a leggere dopo la foto)








Il motivo? Si legge su Repubblica.it che la moglie di Brad Pitt ha lasciato Halo Trust dopo aver scoperto che i vertici dell’organizzazione, sostenuta tra gli altri anche dal principe Harry, secondogenito dell’ex principessa di Galles, si sono assegnati ricompense da capogiro, fino a 500 sterline (677 euro) al giorno, per alcuni incarichi ‘extra’ apparentemente superflui. A rivelarlo è il Times, secondo cui due membri del consiglio che gestisce la fondazione hanno ricevuto oltre 162.000 euro per uno studio interno sulla ”struttura, le remunerazioni e i contatti con i governi” di Halo Trust.

La Jolie si era opposta, nel particolare, ad Amanda Pulinger, presidente di Halo Trust ed ex capo di un hedge fund, e a Simon Coway, autore materiale dello studio, di un compenso per complessivo di 850 sterline al giorno: la prima ha ricevuto 26.500 sterline per 52 giorni di lavoro dedicati alla revisione delle procedure interne tra maggio e ottobre 2014, il secondo, invece, 96.750 sterline per aiutarla e per svolgere l’incarico di direttore generale del consiglio, oltre ad altre 6.000 sterline per l’affitto di un cottage vicino al quartier generale di Halo Trust in Scozia, che si trova a soli 100 km dalla sua casa di Edimburgo. 

Potrebbe anche interessarti: Angelina Jolie e Brad Pitt salgono in aereo e… quello che fanno lascia tutti a bocca aperta

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it