“Ci dispiace moltissimo”. Ryanair, brutte notizie per migliaia e migliaia di passeggeri. Ma le scuse della compagnia low cost non bastano a calmare i clienti, quindi in rete monta la rabbia


 

Ryanair, brutte notizie per i viaggiatori. La principale compagnia aerea low cost d’Europa ha annunciato che cancellerà fino a 50 voli al giorno per le prossime 6 settimane. A riportare la notizia è il Corriere della Sera. Ryanair, che solo nel 2016 ha raggiunto 116,8 milioni di passeggeri, ha fatto sapere in un comunicato ufficiale che fino alla fine di ottobre dovrà annullare poco meno del 2% dei suoi 2.500 collegamenti quotidiani “per migliorare il tasso di puntualità dei viaggi, passato dal 90% a meno dell’80% nelle prime due settimane di settembre a causa degli scioperi dei controllori di volo, dal maltempo e dall’impatto crescente delle ferie di piloti e personale di cabina”. “Ci scusiamo con sincerità con i pochi utenti che saranno coinvolti dalle cancellazioni – ha poi affermato Robin Kiely, capo della comunicazione della compagnia irlandese – faremo del nostro meglio per trovare voli alternativi a tutti o risarcirli”. Scuse che però non sono bastate a calmare i clienti che, dopo aver appreso la notizia, si sono riversati sui social network per manifestare tutta la loro indignazione. (Continua dopo la foto)








“Ma cosa sta succedendo?”, si sono chiesti i clienti su Twitter, Stando a quanto riporta un articolo a firma di Leonard Berberi pubblicato sul Corriere della Sera, di fatto Ryanair sarebbe a corto di equipaggi anche a causa di un passaggio burocratico importante: “Starebbe chiedendo ai piloti in ferie – si legge – di riprendere servizio per attenuare gli effetti della transizione dal calendario ‘Flight Time Limitations’ (dove i dodici mesi partono il 1° aprile e finiscono il 31 marzo dell’anno successivo) a quello gregoriano (1° gennaio – 31 dicembre) a partire dal 2018. Il cambio di calendario è stato imposto dalla Irish Aviation Authority, l’ente irlandese dell’aviazione, ma ha finito così per lasciare al vettore low cost un periodo di nove mesi (dal 1° aprile 2017 al 31 dicembre 2017) e non più di dodici per far smaltire le ferie ai suoi dipendenti”. (Continua dopo le foto)








 


“Annullando meno del 2% dei nostri voli fino al debutto dell’orario invernale a novembre, possiamo riportare il nostro tasso di puntualità al livello del nostro obiettivo annuale del 90% – ha spiegato ancora Kiely nella nota – Dobbiamo però mettere a riposo il personale”. Ferme restando le scuse della compagnia “per ogni inconveniente causato ai passeggeri da queste cancellazioni. I clienti toccati verranno contattati direttamente per offrire loro di essere imbarcati su un volo alternativo e/o essere risarciti”. “I voli della nostra compagnia sono da intendersi come regolari a meno che il viaggiatore non riceva una mail di cancellazione del viaggio – sottolinea sempre al Corriere il capo della comunicazione Ryanair – Per questo consigliamo ai nostri passeggeri di controllare il loro indirizzo di posta elettronica fornito al momento della prenotazione”.

“Costretti a cambiare”. Ryanair ufficializza la notizia che tutti quanti non volevamo arrivasse mai: già, riguarda proprio il tanto amato bagaglio a mano che ci fa risparmiare diversi soldi. Se state per prenotare un viaggio, occhio. Le nuove disposizioni

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it