Niente flebo e defibrillatori. Nell’ambulanza di Deborah ci sono solo libri…ecco il primo “pronto soccorso poetico” per il corpo (e l’anima)


 

Nasce in Gran Bretagna il primo “pronto soccorso poetico”. Presidio sanitario per l’anima, ideato dalla scrittrice inglese Deborah Alma, che ospita duemila pazienti all’anno. Lo studio, uno studio mobile per la verità è un’ autolettiga degli anni ’70 acquistata su eBay . “Fin da bambina volevo fare la scrittrice” – spiega Deborah Alma a La Stampa– “Quando mi sono trovata a dover crescere due figli da single, con pochissimo tempo a disposizione, mi sono avvicinata alla poesia perché mi permetteva di essere immediata, di creare qualcosa negli spazi ridotti che avevo per me. Con la scrittura ho poi lavorato sia con persone affette da demenza senile e sia con i bambini nelle scuole primarie: nel constatare quotidianamente il benessere che possono dare le parole giuste dette o lette al momento giusto è nata l’idea della «Emergency poet»”. 

(continua dopo la foto)







E ci sono libri per ogni malanno. Per riprendersi da un amore non corrisposto il farmaco generico ideale risulta così essere “Amore dopo amore” del premio Nobel Derek Walcott. Contro lo stress il trattamento prevede “Poscritto” dell’irlandese Séamus Heaney, per alleviare e rielaborare i lutti ecco “Andrà tutto bene” del nord irlandese Derek Mahon. “Tra le emergenze più diffuse che mi trovo ad affrontare c’è la solitudine, il bisogno di trovare qualcuno di cui fidarsi e con cui sentirsi complici. E poi c’è la grande contraddizione della nostra società: tante persone sanno cosa potrebbe farle stare meglio e cosa potrebbe nutrire il loro essere. Però non si muovono, non cambiano niente: sono bloccate a combattere qualcosa di vuoto, come la carriera, il guadagno o lo status sociale. Mentre si accontenterebbero di cose più semplici e minute. E allora mi chiedo perché non si diano una mossa a variare direzione: non esiste un domani, bisogna vivere per l’oggi”. Una rivoluzione che potrebbe presto varcare i confini del Regno Unito, con un tour, rigorosamente on the road negli States e nel vecchio continente. 

Ti potrebbe interessare anche: “Un parco di libri” gli scaffali a cielo aperto creano un luogo speciale dove leggere è libertà

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it