L’età ideale per sposarsi? Ecco qual è e perché, secondo questo studio. E ci sono un sacco di vantaggi…


 

L’età giusta per sposarti? Non prima dei 25 ma nemmeno dopo i 30 anni, perché il rischio di divorziare aumenta notevolmente in queste due fasce d’età. Almeno secondo un recente studio pubblicato sul blog di un sociologo dell’Institute For Family Studies. Nicholas Wolfinger, dell’Università dello Utah ha analizzato dei dati provenienti dalla National Survey of Family Growth e ha scoperto che il rischio di divorzio diminuisce consistentemente dall’adolescenza alla fine della decade dei vent’anni. Ricomincia a salire dopo i trenta. Dopo i 32 anni, la probabilità di divorziare aumenta del 5% ogni anno. Come spiega il sociologo sul blog dell’Institute For Family Studies, “coloro che fanno il grande passo dopo i primi anni della decade dei 30 ora hanno più probabilità di divorziare che quelli che si sposano alla fine dei 20.”

(Continua a leggere dopo la foto)







Wolfinger scrive che “non è un segreto” il perché dell’alto rischio di divorzio affrontato dalle coppie che si sposano da adolescenti: “Molti di noi – afferma lo studioso – non sono capaci di affrontare con maturità un matrimonio da adolescenti o giovani adulti”. E sposarsi giovani è spesso un fattore correlato a un livello inferiore di educazione, elemento che aumenta il rischio ad ogni età. Il ricercatore non è totalmente certo, ma suggerisce che la sua scoperta possa aver qualcosa a che fare con quel che lui chiama “effetto di selezione”: quelli che aspettano di più per sposarsi potrebbero far parte del tipo di persone non tagliate per il matrimonio.

“Aspettano a sposarsi, spesso perché non trovano nessuno che voglia portarli all’altare – spiega Wolfinger – Ma quando compiono il grande passo, i loro matrimoni hanno automaticamente un alto rischio di divorzio. Più in generale, forse le persone che si sposano più tardi devono affrontare un gruppo di potenziali partner che sono stati scartati escludendo da quelli disponibili gli individui più predisposti ad avere successo nel matrimonio”. 

”Dopo l’Irlanda, anche in Italia il matrimonio per gay”

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it