“Ha detto sì!”. Si sono sposati a Milano, accolti da amici e parenti, oltre che da una folla di giornalisti e fotografi assiepati dalle prime luci dell’alba. Anche perché è la prima volta che accade in Italia


 

Ivan Scalfarotto ha detto ‘sì’. Il sottosegretario allo Sviluppo economico si è unito civilmente con il compagno Federico Lazzarovich. A pronunciare la formula di rito, al Palazzo Reale di Milano, davanti a oltre 60 invitati, l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino. Scalfarotto è il primo esponente di governo a ufficializzare il proprio legame con il rito introdotto esattamente un anno fa, con la promulgazione della legge sulle unioni civili. La coppia è arrivata poco dopo le 11: entrambi in abito blu e fiore bianco all’occhiello, cravatta grigia puntinata per l’uno, azzurro pastello per l’altro, sono stati accolti festosamente da amici e parenti, oltre che da una folla di giornalisti e fotografi assiepati sin dalle prime ore della mattinata. Non si sono visti invece esponenti della politica, né colleghi di governo. Nemmeno Maria Elena Boschi, da molti data per certa dal momento che da ministro per le Riforme si era molto impegnata al fianco di Scalfarotto per la legge sulle unioni civili. (Continua a leggere dopo la foto)








 

Alla inevitabile raffica di domande, Scalfarotto ha risposto brevemente: “Oggi sono solo un privato cittadino che si sposa, finalmente in un Paese in cui è possibile”. Poi la coppia ha fatto il suo ingresso nella sontuosa sala dei matrimoni del Comune: tra pareti specchio, lampadari di cristallo, arredi damascati e un imponente arazzo, ad attenderli dietro al banco c’era l’amico Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano e compagno di tante battaglie per i diritti civili. (Continua dopo le foto)





 


 

Dopo qualche battuta scherzosa, Majorino ha dato inizio alla cerimonia: “Poter condividere un momento così straordinario nella vita di due persone a cui vogliamo bene – ha detto – è davvero emozionante”. Oltretutto questa unione rappresenta “un primato in Italia per l’appartenenza di Ivan”. Tuttavia “al di là di quello che si può dire, scrivere e innovare sul terreno legislativo è l’amore tra voi che ci ha portato sin qui”.

Caffeina News by AdnKronos

www.adnkronos.com

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it