Taglia dei pomodori a fette e li mette sul lavandino della cucina. Questo gesto, che può sembrarti assurdo, ha una grandissima utilità. A cosa serve? Appena lo scoprirai vorrai provarlo immediatamente


 

Sarà capitato a tutti di fare i conti l’esigenza di eliminare il calcare, spesso situato intorno ai rubinetti o lavelli di metallo. La responsabilità è del carbonato di calcio, presente in grandi quantità nell’acqua corrente, ma facilmente eliminabile con utili rimedi naturali. L’eccessiva presenza del carbonato di calcio, o calcare, definisce il tipo di durezza dell’acqua. Infatti un’alta concentrazione può compromettere la funzionalità degli elettrodomestici più importanti, e creare incrostazioni resistenti nel tempo.  Per un risultato perfetto e senza aloni, in bagno e in cucina, contro l’acciaio ossidato, annerito, bruciato o pieno di calcare la prima regola da seguire è quella di non utilizzare mai e poi mai prodotti come la candeggina o contenenti cloruri o abrasivi. Un anticalcare fatto in casa è un prodotto pulito, puro e che rispetta l’ambiente. Il suo impatto è positivo, oltre a essere benefico per lavelli e docce. Tra i protagonisti salva casa dal calcare possiamo trovare: l’aceto, il limone e l’acido citrico, il pomodoro e il bicarbonato di sodio. Ecco i rimedi per avere un lavandino lucido a prova di alone. (Continua a leggere dopo la foto)






Per quanto riguarda il bicarbonato potrete mescolarlo all’aceto, sciogliendolo in acqua, quindi utilizzarlo con una spugnetta per pulire lavelli, docce e pavimenti. Mentre mescolandolo con il detersivo classico per lavatrice fungerà da anticalcare. Inoltre sia pomodoro che limone, tagliati separatamente a pezzetti e posti nella zona incriminata, potranno disciogliere lentamente le incrostazioni più tenaci. Unendo poi limone con bicarbonato potrete riportare il lavello a nuova vita. Procuratevi: bicarbonato di sodio q.b., metà limone, spugna multiuso, strofinaccio.

(Continua a leggere dopo le foto)






 



 

Inumidite strofinando il limone sulla superficie del lavello, quindi lasciate agire per 15 minuti. Versate il bicarbonato sulla spugna inumidita,e passatela sulla zona colpita dal calcare. Con un po’ di costanza potrete eliminare le incrostazioni, quindi sciacquate e asciugate. Questo ultimo passaggio è fondamentale: risciacquare e asciugare, elimineranno gli eccessi di aceto, riportando in vita la bellezza originaria. Mentre l’asciugatura risulterà necessaria per prevenire ulteriori formazioni.

Hai mai messo del comune sale da cucina nel lavandino? Ma non da solo, con quest’altro ingrediente che tutti abbiamo in casa. Ecco cosa succede

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it