Da Cenerentola a milionaria, la vera storia di Eirian commuove il web


I genitori le avevano promesso che un giorno la fattoria nella quale aveva lavorato per oltre 30 anni, senza aver mai ricevuto uno stipendio, sarebbe stata sua, salvo poi rimangiarsi tutto al momento della divisione dei beni, che sarebbero andati anche alle due sorelle. Eirian Davis, 45enne originaria del Galles, è stata soprannominata ‘’la Cenerentola contemporanea’’ per una bizzarra similitudine con la storia della ragazza dalle scarpette di cristallo. Mentre le sorelle Enfys e Eleri frequentavano party e uscivano con le amiche a fare shopping, Eirian restava nella fattoria a prendersi cura delle mucche e a svolgere i lavori quotidiani della fattoria. Fin da adolescente i genitori l’avevano spronata a lavorare promettendole che, un giorno, tutto quel terreno e quegli animali sarebbero stati suoi. Salvo poi rimangiarsi la parola.

(Continua a leggere dopo la foto)



La donna, però, non ha perso le speranze, e dopo essersi rivolta agli avvocati è riuscita ad ottenere 1,3 milioni di sterline per tutti gli anni di lavoro non retribuito. “Mia madre e mio padre – racconta – mi dicevano sempre che la fattoria sarebbe stata lasciata a me. Anche ai miei compleanni, quando tutte le altre ragazze ricevevano dei regali, mi rassicuravano: ‘Avrai molto di più un giorno, tutto questo sarà tuo’’’. Una volta cresciute la donna era rimasta l’unica a occuparsi della fattoria, mentre le altre avevano iniziato le loro carriere altrove. Il padre le diceva continuamente di non lasciare il suo lavoro, mentre la madre aveva cominciato a sperare che non facesse figli per non dover subire l’impatto negativo sul suo operato. Dopo la battaglia legale, i giudici della Corte d’appello hanno obbligato i genitori a mantenere fede alle loro promesse con un sostanzioso risarcimento. La coppia sembrerebbe ora intenzionata a fare ricorso, ma Eirian non si preoccupa: “Non importa ciò che gli altri dicono – ha spiegato – io so la verità”.

Ti potrebbe anche interessare: Cenerentola “perde i capelli” e la bimba malata di cancro ritrova il sorriso: “Assomiglia a me”