“Ricoverato in ospedale”. Ansia per Daniele De Rossi, la notizia poco fa: le condizioni

Era risultato positivo una settimana fa, nel ritiro della Nazionale italiana di calcio dove era scoppiato un vero e proprio focolaio di Covid. In tutto sono 8 i contagiati tra i calciatori e una ventina dei componenti della delegazione. Adesso è ricoverato all’ospedale Spallanzani di Roma: Daniele De Rossi, collaboratore tecnico della Nazionale, allenata da Roberto Mancini, ha avuto problemi respiratori ed è stato necessario il ricovero.

De Rossi avrebbe contratto una polmonite, fattore che ha indotto al trasferimento in ospedale nonostante le sue condizioni vengano definite discrete. La positività di quattro membri dello staff tecnico era stata comunicata dalla Figc dopo la vittoria dell’Italia in Lituania nella trasferta di Vilnius. Tra i giocatori, in ordine di tempo, l’ultimo a risultare positivo è stato il centrocampista dell’Atalanta Matteo Pessina. In precedenza era toccato a Bonucci, Florenzi, Verratti, Bernardeschi, Grifo, Sirigu e Cragno. (Continua dopo la foto)


L’Istituto nazionale di malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” è in prima linea nella battaglia al virus ed è un istituto d’Eccellenza e ora tra i pazienti in cura c’è anche l’ex bandiera giallorossa che lo scorso 18 marzo era ufficialmente entrato a far parte del gruppo di collaboratori ed assistenti di Mancini con un contratto fino al termine dell’Europeo. (Continua dopo la foto)

Un incarico inedito che De Rossi aveva commentato con queste parole: “Sono orgoglioso di iniziare questa nuova carriera con la Nazionale e ringrazio sia il presidente Gravina che il ct Mancini per la fiducia e per l’opportunità. Inizio questo percorso con entusiasmo, sapendo che sono solo all’inizio ed ho ancora tanto da imparare, ma spero anche di poter dare una mano alla squadra”. (Continua dopo la foto)

{loadposition intext}

Daniele De Rossi ha trascorso quasi interamente la sua carriera nella Roma tanto che i tifosi giallorossi lo hanno soprannominato “Capitan futuro”, poiché dopo Francesco Totti la fascia doveva andare sul braccio di De Rossi. Ha sempre dimostrato grande attaccamento alla maglia della Roma, testimoniato dall’affetto e dalla standing ovation che i tifosi gli hanno tributato il giorno della sua ultima partita. Dopo l’addio al calcio, De Rossi ha avuto la possibilità di entrare a far parte dello staff della Nazionale.

“Tutta colpa loro”. Morte principe Filippo, l’ultimo sfregio di Harry e Meghan. E parte la clamorosa voce