Treni presi d’assalto a Milano. Corsa in stazione per lasciare la Lombardia.


Corsa in stazione per lasciare la Lombardia. Sarebbero centinaia le persone che in queste ore hanno raggiunto o stanno raggiungendo le stazioni ferroviarie di Milano. Missione: abbandonare Milano per evitare di restare “incastrati” in una città bloccata. In vista del decreto del Presidente del Consiglio si registra l’ennesima isteria collettiva di chi nella foga smarrisce anche soltanto il senso di responsabilità che gli imporrebbe di non diffondere il contagio nel resto del Paese. Ma vediamo cosa sta succedendo alla stazione di Milano. (Continua dopo la foto)






Secondo il sito Fanpage si tratterebbe soprattutto di residenti nelle regioni del centrio e del sud che vivono o lavorano a Milano e che vogliono evitare di restare tagliati lontano dalle proprie famiglie.

«Appena mi hanno detto tutto ho preso il biglietto. Il problema è la paura di non poter tornare». Così una ragazza intervistata giustifica la sua corsa verso Roma. La ragazza racconta di avere preso un biglietto per Roma in modo da raggiungere la famiglia prima che scattino le limitazioni ai viaggi. (Continua dopo la foto)






Prevedibilmente, assisteremo alla stessa corsa nelle prossime ore nelle stazioni ferroviarie e negli aeroporti delle altre province interessate dal decreto: Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria. Questo perché all’indomani dell’entrata in vigore del Decreto in tali aree a non si potrà più né entrare né uscire, salvo “gravi e indifferibili” motivi.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it