Sulla cometa c’è materiale organico e non fa poi così freddo


Sulla cometa c’è o c’era vita? Fantascienza. Però è Scienza che c’è materiale organico, cioè a base di carbonio, che può diventare a sua volta la base della vita. È un’altra delle scoperte fatte dalla sonda di Rosetta su 67P/Churyumov-Gerasimenko, la cometa che ha agganciato la scorsa estate e che ora sta scortando nel suo percorso intorno al sole. A rivelare la composizione del corpo celeste è stato un avanzatissimo spettrometro di costruzione italiana Virtus, che ha individuato lo strato di polveri grige organiche che la ricopre. (continua dopo la foto)







Missione Rosetta, atterraggio sulla cometa. Dieci cose da sapere
Grazie a quello stesso strumento Rosetta ha scoperto anche che sulla cometa c’è una temperatura di 50 gradi sotto zero, decisamente più mite di quanto ci si aspettasse. Tanto per avere un’idea, è lo stesso freddo che si raggiunge in estate in alcune zone interne dell’Antartide. A tenere calda, si fa per dire,  67P/Churyumov-Gerasimenko, sarebbe proprio lo strato organico che la ricopre, che è molto scuro e quindi riflette poco i raggi solari.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it