Bravi amanti, sfigati, di successo, sani o viziosi: le mani spiegano la nostra personalità


 

Ci sarebbe un profondo rapporto tra la forma delle mani e la personalità. Niente a che fare con cartomanzia e maghi, ma ci sono studiosi che affermano che alcuni tratti caratteristici nelle sporgenze del palmo, nei polpastrelli e nella lunghezza delle dita esprimono nettamente alcuni lati della personalità. Secondo gli studiosi dell’Howard Hughes Medical Center, il dito anulare rivela il carattere, le inclinazioni ed il comportamento delle persone.

Questa idea, già sviluppata precedentemente, è stata ripresa e approfondita dall’Università della Florida, dove un team ha condotto una ricerca su topi in gravidanza, dimostrando come la lunghezza delle ditadipenda dall’esposizione del feto agli ormoni, ancora nella pancia della mamma. Ecco l’applicazione della ricerca sull’uomo e sulal donna.

(continua dopo la foto)



La lunghezza dell’anulare svela, spiegano i ricercatori, il livello di ormoni nel corpo. Per quanto riguarda l’uomo, l’anulare più lungo rispetto all’indice, rappresenta un maggior livello di testosterone che comporta un carattere più aggressivo, una predisposizione alla sessualità, alle materie scientifiche, allo sport e, sfortunatamente, anche all’alcolismo. Inoltre, nella maggior parte dei casi sono considerati più attraenti dalle donne e, secondo un sondaggio della Cambridge University, hanno più possibilità di sfondare in settori fortemente competitivi. Al contrario, se l’anulare è più corto dell’indice, il livello del testosterone sarà basso e si avrà un’indole più dolce e remissiva. Una donna con l’anulare più lungo dell’indice ha maggiori probabilità di ottenere successi sportivi.

La lunghezza delle dita sembra, inoltre, fornire informazioni sulla predisposizione della persona ad alcune malattie e sul suo stato di salute. L’indice più lungo rispetto all’anulare può essere sintomo di una maggiore predisposizione al tumore alla prostata negli uomini e al seno nelle donne e può essere segnale di predisposizione a malattie cardiache.

Non solo: se la mano di una donna è grande significa che è aperta a fare sempre nuove conoscenze, mentre al contrario la mano piccola appartiene alle persone più riservate. Se nella donna l’anulare è più lungo dell’indice questa è portata per il movimento ed è anche un’amante perfetta. Al contrario se l’anulare è più corto dell’indice, si è predisposti allo studio e si hanno scarse doti amatorie. Negli uomini invece la situazione è diversa, perché se l’anulare è più lungo dell’indice significa che c’è grande fertilità, ma anche elevata aggressività. Se però la differenza tra anulare e indice è evidente, uomo o donna che sia, si tratterà di un soggetto molto estroso e originale. Se invece la mano ha un dito indice e un anulare della stessa lunghezza, ciò rivelerebbe grandi capacità oratorie ma, ahimè anche una certa inclinazione alla depressione.

 

A che ora “rendi” meglio a letto? Te lo dice il test

E tu che rapporto hai veramente col sesso? Fai il test e scoprilo