Più scoreggiano i vostri uomini più sono intelligenti: lo dice una ricerca


È una cosa che ti fa inorridire eppure è normale. Di che stiamo parlando? Dell’abitudine di emettere aria. Sì, dei peti. Anche se rimproveri sempre il tuo uomo quando li fa, sai benissimo che non è l’unico in famiglia ad avere questa abitudine che è assolutamente naturale. E infatti anche tu, quando sei sola al bagno, ti lasci andare… Non c’è nulla di male. Ti sarai accorta anche tu che i peti non sono tutti uguali. Ce ne sono di molto rumorosi che però non hanno alcun odore e ce ne sono di silenziosi che però hanno un odore terribile. Da cosa dipende? Ovviamente da quello che mangiamo .

Cibi come i broccoli, la cipolla, le uova e la carne, cioè gli alimenti che contengono molto zolfo, conferiscono ai peti un odore molto forte. Lo zolfo è una sostanza chimica che aiuta a dare alle uova marce il loro odore maleodorante, tanto per farti capire. Quando il nostro corpo digerisce il cibo, i batteri del nostro intestino si nutrono delle proteine degli alimenti che contengono zolfo. Continua a leggere dopo la foto



Questo processo crea alcuni gas maleodoranti come il metantiolo. Esso è un gas incolore che si trova normalmente nel sangue, nel cervello e in altri tessuti umani e animali. È anche abitualmente rilasciato dalle feci. È uno dei principali agenti chimici responsabili dell’alitosi e del cattivo odore delle flatulenze. Causa, probabilmente, il cattivo odore delle urine a seguito della digestione degli asparagi. A ogni modo, al di là dell’odore, va detta una cosa: gli uomini producono più peti delle donne… Continua a leggere dopo la foto


Non sapete più cosa fare con i vostri uomini che non si contengono, ma dovete sapere una cosa molto importante: più un uomo produce peti, più è intelligente. Una ricerca americana ha dimostrato qualcosa di incredibile. Secondo gli studiosi dell’Università del Wisconsin, infatti, chi fa peti con maggiore frequenza sarebbe più intelligente rispetto alla media. Ma come è possibile? Il professore di biologia molecolare, Isaak Steinberg, ha dimostrato che tale fenomeno è dovuto all’aumento del potenziale elettrico dissipato nelle cellule nervose. Continua a leggere dopo la foto


 

Questo potenziale scaturisce in realtà da una maggiore attività del cervello. Incredibile no? Eppure è tutto vero. Questo processo porta alla stimolazione delle cellule che producono una proteina attiva a livello dei capillari, presente a livello del tratto intestinale. La maggiore attività cerebrale fa rallentare l’assorbimento dei nutrienti quando si mangia e favorisce la fermentazione batterica, portando all’aumento della produzione dei gas intestinali! A questo punto, però, non li odierete come li avete odiati finora…

I jeans che neutralizzano l’odore dei peti