La neve? Non è bianca, è tutta un’illusione frutto dei nostri occhi. Ecco com’è realmente e perché la vediamo così


 

Chi di voi non ha mai immaginato di passare una notte in un rifugio di montagna, con il camino acceso e la neve che cade mentre il silenzio avvolge tutto? Beh, allora preparatevi perché quello che stiamo per dirvi toglierà un po’ di magia a tutto questo. Avete presente la neve? Tante piccole farfalle bianche che cadono e rendono tutto unico? Mi dispiace per voi, ma non è affatto come la vedete. Non è per niente bianca, pensiamo solo che lo sia…

(continua dopo la foto)



 

Si tratta infatti di un’abitudine del nostro occhio. Ecco la verità spiegata dagli esperti di meteo.it :”Partiamo da un assunto di base della fisica. Un oggetto risulta nero quando assorbe tutta la luce che lo colpisce. Risulta altresì trasparente se la luce lo attraversa completamente, colorato se lo stesso oggetto assorbe parte della luce che gli arriva. Un oggetto è, infine, “a specchio” se riflette la luce – dicono – Incontrando un cristallo di neve, il raggio di luce viene deviato. E così avviene di cristallo in cristallo finché, alla fine di questo percorso, il raggio torna all’osservatore. Il singolo cristallo rimane comunque trasparente. A noi arrivano però in tal modo tutti i colori di partenza, e siccome il bianco è la somma di tutti i colori, ciò che percepiamo alla fine è proprio il colore bianco. Il manto nevoso è inoltre quasi completamente “a specchio”, dunque abbagliante, perché la maggior parte della luce che lo colpisce viene poi restituita”.

Per il ciclo, le verità che non vorremmo mai sapere.

Ti potrebbe interessare anche: È vero amore o solo attrazione fisica? Scoprilo con il test