“Fateci caso”. Matrimonio: ecco il partner perfetto. Il particolare a cui una donna dovrebbe sempre far caso svela la ‘predisposizione’ alle nozze


 

Lo studio è stato condotto da un team della statunitense Columbia University (Mailman School of Public Health e Columbia Aging Center) e pubblicato sulla rivista scientifica ‘Ssm-Population Health’. La ricerca ha analizzato i dati di 5.000 adulti della città norvegese di Tromsø. Gli scienziati hanno riscontrato che più è solida la presa di mano di un uomo, maggiore è la probabilità che sia sposato. Insomma, una specie di segno di riconoscimento. Tuttavia, lo stesso collegamento non è risultato per le donne. Insomma: ci sarebbe un legame tra stretta di mano e matrimonio solo per il genere maschile. Il risultato è arrivato misurando la forza della stretta di mano e incrociandola con i dati su stato civile e decessi. Come si legge sul Daily Mail, l’autore dello studio, il dott. Vegard Skirbekk, ha dichiarato: “I nostri risultati suggeriscono che le donne potrebbero favorire i partner che segnalano forza e vigore quando si sposano”. Secondo gli esperti la forza della presa è una misura consolidata di salute ed è stata precedentemente collegata alla capacità di far fronte alla vita in modo indipendente, oltre a prevedere il rischio di malattie cardiovascolari e mortalità. (Continua a leggere dopo la foto)







”I nostri risultati suggeriscono che le donne potrebbero favorire i partner che danno segnali di forza e vigore. Se le più longeve sposano uomini sani, allora entrambi possono evitare o rinviare il più possibile il ruolo di caregiver, mentre gli uomini meno sani rimangono celibi e devono cercare altrove assistenza,” spiega Vegard Skirbekk del Columbia Aging Center, docente della Mailman School. I ricercatori sono giunti alle suddette conclusioni basandosi su uno studio incentrato sulla popolazione di Tromsø (Norvegia), che ha coinvolto poco più di 5 mila adulti della cittadina, e hanno esaminato il legame tra stato civile e forza della presa in due gruppi, i nati nel 1923-35 e i nati nel 1936-48, valutando l’associazione tra la situazione sentimentale degli intervistati e il vigore della loro stretta di mano, misurata all’età di 59-71 anni. (Continua a leggere dopo le foto)





 


I dati sono stati poi abbinati al registro nazionale decessi della Norvegia. “Negli ultimi decenni – chiarisce Skirbekk – le donne sono meno dipendenti economicamente dagli uomini e allo stesso tempo gli uomini sono diventati progressivamente più dipendenti dalle donne sul fronte salute. Il fatto che molti uomini risultino soli e con una presa debole è un doppio carico per loro (mancano di forza e anche del sostegno che deriva dal matrimonio) e tutto questo suggerisce la necessità di dare maggiore attenzione a questo gruppo” più fragile in termini di salute.

“Sparisci!”. UeD: Maria De Filippi furiosa. Quello che è successo in studio ha lasciato tutti di sasso: “Mai vista una cosa simile”. Al colmo della rabbia Queen Mary esplode: ovazione del pubblico

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it