Anche la tua auto ti dà quelle fastidiose scosse? Ecco quando e perché succede. E come fare per evitarle


Vi siete mai chiesti perché, a volte, toccando l’auto questa ci trasmette una piccola scossa? Ebbene, ecco la risposta. Si tratta di un particolare fenomeno che si verifica quando l’aria è secca e soprattutto ventilata in quanto, in questo caso, l’aria è già di per sé caricata elettricamente e lo strofinio con la macchina si acuisce. Un’atmosfera umida invece conduce molto meglio l’elettricità, minimizzando il fenomeno. L’acqua è un ottimo conduttore di elettricità ed è anche il principale motivo per cui noi stessi siamo dei buoni conduttori.

Essendo composto in gran parte di acqua, il corpo umano rappresenta un ambiente ideale per scaricare potenziale elettrico. Per contrastare il verificarsi di questa scossa, una soluzione utile può essere quella di utilizzare delle calzature con la suola in gomma. Per coloro che lavorano a costante contatto con scariche elettriche, come elettricisti o operai, esistono scarpe antinfortunistiche isolanti il cui requisito fondamentale è quello di contenere una suola in gomma senza parti metalliche, così da fornire ulteriore protezione.

Ma non è tutto Un’altra possibilità, anche se richiederà qualche secondo di tempo, è quella di toccare una qualsiasi parte in gomma del veicolo fino al momento in cui si poggiano entrambi i piedi a terra. Una soluzione in voga qualche anno fa consisteva nell’utilizzare delle strisce in gomma con l’interno in ferro da attaccare sulla parte posteriore dell’automobile. Tutte soluzioni valide, ma occorre chiarire il fatto che l’elettrostaticità discussa in questa sede non arreca danni all’individuo che subisce la scarica, ergo il pericolo di vita certamente non sussiste tenuto conto della bassissima intensità del fenomeno.



Ti potrebbe interessare anche: Ecco il cerotto antirughe, dà la scossa alla pelle