Te lo sei sempre chiesto ma non hai mai saputo darti una risposta: perché gli uomini pensano sempre al sesso? Ecco la verità che tutte aspettavamo


 

Un team di genetisti, coordinati da Arantza Barrios, dell’University College di Londra, ha scoperto negli individui di sesso maschile dei “misteriosi neuroni” che sono stati ribattezzati “Mcms”, letteralmente “mystery cells of the male”. Si tratta di cellule nervose specializzate che, nei soli maschi, rendono il sesso una priorità, tanto da differenziare più di altri il cervello maschile da quello femminile. La scoperta, pubblicata anche sulle pagine della rivista scientifica Nature, sono state individuate per la prima volta nel cervello di una vecchia conoscenza dei genetisti, il minuscolo verme Caenorhabditis elegans.

Le curiose cellule maschili, stando a quanto spiegato dal gruppo di scienziati, sono davvero uniche. Queste si sviluppano infatti con la maturità sessuale e funzionano come un campanello d’allarme che, costantemente, ricorda al maschio che le esigenze legate al sesso sono prioritarie, tanto che durante l’accoppiamento fanno passare in secondo piano perfino l’esigenza di mangiare. 

(Continua a leggere dopo la foto) 








“Abbiamo dimostrato come le differenze genetiche e nello sviluppo tra i due sessi siano legate a cambiamenti strutturali nel cervello che avvengono durante la maturità sessuale – ha spiegato la coordinatrice della ricerca, Arantza Barrios, dell’University College di Londra – Questi cambiamenti fanno sì che il cervello maschile funzioni in modo diverso, rendendo i maschi più inclini a ricordare gli incontri sessuali avuti in passato e a considerare il sesso una priorità”.

Tuttavia, secondo i ricercatori, la spiegazione biologica non può essere l’unica: “Non tutte le differenze nel comportamento sono determinate geneticamente: anche l’ambiente gioca un ruolo importante”. Ma, al di là della singola scoperta, la ricerca potrebbe aiutare a fare dei passi avanti nello studio delle cellule nervose.

Vuoi regalargli un rapporto orale che non dimenticherà mai? Basta questo accorgimento…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it