“L’uomo sulla Luna non ci è mai andato e questa ne è la prova definitiva”. Altro che “sbarco”, secondo i complottisti di tutto il mondo non c’è dubbio e questo scatto dell’epoca ne è la dimostrazione: riuscite a notare anche voi il “dettaglio” che confermerebbe la teoria?


 

In fin dei conti Carlo Sibilia, il deputato della Repubblica Italiana in sella al Movimento Cinque Stelle, ce lo ha detto sin dal 20 giugno 2014: “Oggi si festeggia anniversario sbarco sulla #luna. Dopo 43 anni ancora nessuno se la sente di dire che era una farsa…”. E come lui sono tanti a pensarla così. Sono milioni i complottisti secondo i quali l’uomo non è mai andato sulla Luna. Ultimamente però, la riorganizzazione del tacito movimento è di nuovo in prima linea con una tesi che, a loro dire, dimostrerebbe che alcune registrazioni degli astronauti sono un falso. Non lo hanno fatto analizzando il primo allunaggio della storia, quello compiuto il 20 luglio 1969 da Neil Armstrong e Buzz Aldrin, accompagnati da Michael Collins, bensì da una missione successiva del programma Apollo. Armstrong e Aldrin facevano parte della missione Apollo 11, quella più discussa e messa in dubbio dai complottisti di tutto il mondo. Oggi, però, un utente di YouTube, mica uno scienziato di fama internazionale, ha affermato di avere prove a sufficienza per dimostrare che le missioni sulla Luna sono un falso, e lo ha fatto analizzando le immagini della missione Apollo 17, l’ultima che portò gli astronauti sulla Luna. (continua dopo la foto)








Dove? Proprio tramite Youtube, dove altro sennò? I protagonisti di quella missione, avvenuta nel 1972, furono gli astronauti Eugene Cernan, Ron Evans e Harrison Schmitt. Il video di quella missione è stato analizzato da parecchi complottisti, ma uno solo di loro ha avuto la prontezza di notare che, riflesso sulla visiera del casco di uno degli astronauti, compare un uomo che però non sembra indossare una tuta spaziale. Ne parla anche Fox News (uno dei canali più attaccati durante la campagna presidenziale per via di tutte le fake news elaborate dallo stesso Trump, ndr). L’immagine, per quanto ‘zoomata’, appare troppo poco chiara per poter dare conforto a questa teoria, che però può essere presa come una simpatica alternativa a quelle di chi, per la missione dell’Apollo 11, aveva parlato di finzioni sceniche scomodando anche un grande del cinema come Stanley Kubrick. (continua dopo le foto e il video)






 

In fin dei conti una delle ipotesi più accreditate dai complottisti è il “problema” della bandiera. I teorici della cospirazione hanno infatti notato che, durante la diretta televisiva, gli spettatori potevano chiaramente vedere la bandiera americana che aveva una forma come mossa da una corrente d’aria. Questo è chiaramente impossibile perché nello spazio non c’è aria. La Nasa afferma che la forma ripiegata è dovuta all’involucro in cui era contenuta la bandiera, che le ha dato questa forma prima di essere piantata. Un’altra spiegazione è la forza che gli astronauti avrebbero impresso alla bandiera quando posizionata le avrebbe fatto assumere una forma irregolare. Se questo è un complotto…

Ti potrebbe anche interessare: Altro che teatro, l’uomo è andato davvero sulla luna. Ecco le prove

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it