Volete un seno più grande? Basta una settimana e non serve passare dal chirurgo… ecco la sexy – invenzione più eccitante di sempre


Un reggiseno che ingrandisce, alza e avvicina il seno. Un sogno? Secondo Milan Mili?, inventore di questo ‘dispositivo miracoloso’, no. Ex studente di Ingegneria a Milano, il 30enne – si legge sul ‘Mail Online’ – ha cominciato a pensare a un’alternativa alla chirurgia dopo che la sua fidanzata gli ha rivelato che avrebbe voluto avere un seno più prosperoso. L’aumento avverrebbe in una settimana e sarebbe permanente. Per ottenere il risultato, basterebbe indossarlo tre volte al giorno per cinque minuti consecutivi. L’E Bra, che è stato appena brevettato, è stato testato su diverse donne in Europa con risultati a quanto pare impressionanti. Ora è stato portato negli Usa e anche lì sembrerebbe aver ‘fatto miracoli’. In uno studio di Miami, sotto la supervisione di un medico specialista, una donna di 49 anni ha visto il suo seno passare da una coppa B a una C. Sono diverse le testimonianze di donne che hanno provato l’E Bra e che hanno visto il loro seno crescere e alzarsi. Anche il chirurgo plastico Michael Salzheaur – conosciuto anche come ‘Dr. Miami’ – dopo aver supervisionato i test di una di queste donne, ha confermato che effettivamente il suo seno era diventato più grande. E ora chiede una rigorosa sperimentazione clinica con un campione più ampio per dimostrare l’efficacia del dispositivo. L’inventore si limita a spiegare che la vibrazione aumenta l’afflusso di sangue e migliora la circolazione senza fornire troppi dettagli. “Non è doloroso, non emette radiazioni, è completamente sicuro per il corpo e per l’ambiente”, taglia corto. Il chirurgo resta scettico sugli effetti: “Ho parlato con l’inventore che non ha nessuna spiegazione scientifica sul perché la vibrazione determini la crescita. Credo che si sia imbattuto in questa vicenda per caso, come quando nei videogiochi si scopre un potere segreto legato a una combinazione di tasti”.



Caffeina by Adnkronos

(www.adnkronos.it)

Ti potrebbe interessare anche: “Addio, mie dolci tette”, il tenero saluto della ragazza al suo seno prima della mastectomia