Svelato il mistero! Ecco perché più si invecchia e più il tempo passa velocemente


 

 La nostra percezione del tempo non è lineare, ma logaritmica: si allunga all’inizio e si comprime alla fine. Le lancette dell’orologio insomma, viaggiano davvero a ritmi differenti. Come? Lo spiega  il Washington Post con una teoria che chiarisce anche il perché i bambini in auto chiedono sempre “quanto manca?”

(continua dopo la foto)







Si tratterebbe secondo questa affascinante teoria che sta trovando dei riscontri oggettivi, semplicemente di una questione di prospettiva legata al rapporto tra tempo vissuto e momento da vivere. Per meglio spiegare: per un bambino di un anno un anno è tutto, per un bambino di otto anni, un anno è il 12,5 per cento della sua vita ed il tempo, di conseguenza, scorrerà con una dilatazione maggiore e sempre più veloce di anno in anno. Questa semplice teoria ha delle affascinanti implicazioni: significa, per esempio, che i genitori vedono crescere i loro figli molto più velocemente di quanto i figli non percepiscano la loro stessa crescita. Significa che aspettare per 24 giorni l’arrivo di Natale quando sia ha cinque anni è davvero come aspettare qualcosa per un anno, quando si hanno 54 anni

Ti potrebbe interessare anche:  Sesso, la passione si spegne con il tempo? No! Ecco quando risorge lo stallone che è in te

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it