Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Stop produzione di borotalco

“Stop alla produzione”. Il famoso borotalco non sarà più sul mercato, la decisione: “È cancerogeno”

  • Salute

Stop produzione di borotalco J&J. Dopo anni di cause intentante la famosa azienda americana ha deciso di non produrre più il talco. La donna, Jackie Fox, 62 anni, di Birmingham (in Alabama) – secondo quanto riportato dall’edizione online della Bbc – è morta l’anno scorso di tumore all’ovaio dopo avere usato per decenni il talco. Gli avvocati della donna hanno sostenuto che il gruppo sapeva dei rischi di cancro del prodotto e avrebbe omesso di informare i consumatori.

Dopo la sentenza la multinazionale ha respinto le accuse e sta valutando un possibile appello, in cui fra l’altro l’importo del risarcimento potrebbe calare. A febbraio un tribunale del News Jersey aveva accolto la richiesta di fallimento di J&J dovuta alla necessità di gestire le cause legate al talco. Nel 2018 una giuria del Missouri aveva condannato l’azienda a 4,7 miliardi di dollari dopo che 22 donne avevano accusato J&J di aver usato l’amianto nel talco e nei prodotti per l’infanzia provocando il cancro alle ovaie.

Stop produzione di borotalco


Stop produzione di borotalco Johnson & Johnson

“Come parte di una valutazione del portafoglio mondiale, abbiamo preso la decisione commerciale di passare a un portafoglio di borotalco interamente a base di amido di mais”, spiega l’azienda in una nota. Nella stessa comunicazione Johnson & Johnson ribadisce di essere certa che il prodotto sia sicuro, come dimostrerebbe ricerche indipendenti condotte nel corso dei decenni. La scelta è legata alle troppe cause legali che l’azienda deve affrontare, oltre 40mila, per il presunto legame tra il prodotto e i tumori ovarici e il mesotelioma. La società sta intanto passando a prodotti simili per i bambini a base di amido di mais, anche se J&J continua a ritenere sicuro il suo talco prodotto per decenni.

Stop produzione di borotalco – Nel 2016 il tribunale dello Stato americano del Missouri ha ordinato alla multinazionale americana Johnson & Johnson di pagare 72 milioni di dollari (oltre 65 milioni di euro) alla famiglia di una donna morta di cancro secondo cui il decesso sarebbe stato provocato dall’uso prolungato del borotalco Baby Powder. La donna, Jackie Fox, 62 anni, di Birmingham (in Alabama) – secondo quanto riportato dall’edizione online della Bbc – è morta l’anno scorso di tumore all’ovaio dopo avere usato per decenni il talco.

Stop produzione di borotalco – Gli avvocati della donna hanno sostenuto che il gruppo sapeva dei rischi di cancro del prodotto e avrebbe omesso di informare i consumatori. Dopo la sentenza la multinazionale ha respinto le accuse e sta valutando un possibile appello, in cui fra l’altro l’importo del risarcimento potrebbe calare.

Cultura italiana in lutto. Addio ad un grande: per lui una vita di enormi successi


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004