Cambio di tendenza! Il segreto delle star per un make up al top si chiama ”drapping”. Ma cos’è? Ecco tutti gli step per realizzarlo

 

Tra le nuove tendenze che si stanno imponendo nel mondo del make up stiamo assistenfo al ritorno del cosiddetto ”draping”, un revival di una tecnica utilizzata negli anni ‘80 e riportata in auge nel mondo del beauty dalla griffe Marc Jacobs. Si tratta di una sorta di contouring per scolpire il viso in maniera nuova attraverso l’uso del colore. I draping, letteralmente in inglese “drappeggio”, è una tecnica che vede il blush come protagonista assoluto e riprende un po’ quello che in passato fu lo stile di Farrah Fawcett, che tutte sicuramente ricordiamo per le guance e gli zigomi teneramente rosacei.

Il draping vede il “rossore” come un punto di forza vero e proprio, un modo di definire e caratterizzare i tratti somatici conferendo al viso un che di timidezza e naturalezza.


(Continua a leggere dopo la foto)

 

Blush Goals: “If It Launched a Thousand Ships, the Face Was Probably Done by Makeup Genius Way Bandy.” – @People Magazine, 1978. Before #WayBandy began his career, models applied their own makeup for photo shoots. “He put make-up artists into another category … he defined the career.” It was Way Bandy responsible for the look of cover girls—and guys—in the 1970s. Among the faces he ”designed,” as he put it, were those of #FarrahFawcett, Cher, Elizabeth Taylor, Raquel Welch, Catherine Deneuve, Lauren Hutton, Barbra Streisand, Gloria Vanderbilt, Lee Radziwill, Sigourney Weaver, Cheryl Tiegs, Nancy Reagan, Barbara Walters, Margaux Hemingway, Mick Jagger, Kris Kristofferson, Peter Frampton and more.

Una foto pubblicata da Marc Jacobs Beauty (@marcbeauty) in data: 3 Lug 2016 alle ore 16:42 PDT

{loadposition intext}

Motivo per cui Marc Jacosb Beauty ha deciso di lanciare Air Blush, un duo di colore che unisce diverse tonalità simili per trovare (e sperimentare) mood diversi a seconda appunto delle sensazioni del momento. Formulato con polveri giapponesi utilizzando il procedimento del “soufflage” (in francese sta per aria montata), ha una consistenza cremosa, dura 24 ore e per quanto riguarda gli abbinamenti di colore, consente di dare riflessi con i toni più leggeri e di calcare i contorni con i toni più scuri.

(Continua a leggere dopo la foto)

Rispetto al classico contouring che utilizza illuminanti e terre il draping si avvale esclusivamente dell’uso del blush seguendo le indicazioni fornite da Way Bandy, il famoso make up artist di celebrity del calibro di Elizabeth Taylor e Cher, a cui si devono le basi di questa tecnica di trucco viso.

(Continua a leggere dopo la foto)

Il draping sostanzialmente va a modificare la forma del viso attraverso l’utilizzo del colore sotto forma di blush. Il blush viene utilizzato per celare e coprire i contorni del viso ma anche e soprattutto per scolpire, per volumizzare e per conferire un maggiore equilibrio alle proporzioni del volto e ai tratti somatici stessi.

60enni, sappiatelo: essere sexy non è questione d’età. Dal look al make up, ecco gli errori che vi invecchiano. Bastano pochi trucchetti per apparire (decisamente) più giovani e attraenti

Pubblicato il alle ore 15:58 Ultima modifica il alle ore 11:32