Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Ameba che mangia cervello

Fa il bagno e viene infettato dal batterio mangia-cervello, chiusa la spiaggia ai bagnanti

  • Salute

Un’ameba che mangia cervello. Questa è la conclusione dei medici dopo la curiosa diagnosi di meningoencefalite amebica primaria. Si tratta della Naeglaria fowleri (la cosiddetta “ameba mangia cervello”), un animale che si ciba dei tessuti cerebrali e che provoca molto spesso la morte. Siamo a Lake of Three Fires State Park, on Iowa. Qui il dipartimento di sanità pubblica ha fatto sapere che la spiaggia è momentaneamente chiusa.

“Si tratta di una misura precauzionale presa in seguito all’accertamento di un’infezione da Naeglaria fowleri in un residente del Missouri”, si legge in un comunicato ufficiale. Poco dopo lo stesso dipartimento ha dichiarato che la patologia causata dall’ameba mangia cervello è un’infezione acuta, fulminante e rapidamente fatale che colpisce il sistema nervoso centrale. “La meningoencefalite amebica primaria è piuttosto rara”, si legge nel comunicato. “Dal 1962 a oggi sono stati identificati solo 154 casi negli Stati Uniti”.

Ameba che mangia cervello


Ameba che mangia cervello nel lago: quali sono i sintomi

Questo animale vive nel terreno e negli specchi d’acqua dolce caldi, come i laghi, i fiumi e le sorgenti termali. L’ameba può anche trovare condizioni favorevoli alla vita nelle piscine prive di cloro o con scarsa manutenzione. Ma cosa succede allo sfortunato che viene attaccato dall’ameba che mangia cervello? Entra nel corpo di una persona attraverso il naso.

Ameba che mangia cervello

Da qui viaggia fino al cervello, dove distrugge il tessuto cerebrale. C’è da dire che fortunatamente l’infezione non è contagiosa e non c’è alcun rischio di contrarla bevendo dell’acqua contaminata. Tuttavia, per quanto rara, la meningoencefalite amebica primaria è “devastante” e “spesso fatale”.

Ameba che mangia cervello

In America del Nord, solo cinque persone sono sopravvissute all’infezione. I sintomi iniziali della patologia includono forti mal di testa, febbre, nausea e vomito. In un secondo momento possono verificarsi allucinazioni, convulsioni e persino il coma. Chi contrae l’ameba che mangia cervello, comincia a manifestare i primi sintomi nei cinque giorni successivi all’infezione. Il decorso della malattia è molto raro e di solito la morte si verifica a 18 giorni di distanza dalle prime avvisaglie.

Fa il bagno nel lago e muore dopo pochi giorni: infettato da ameba mangia cervello


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004