A notte fonda sente un languorino e decide di aprire un pacchetto di patatine fritte. Poi quella strana sensazione nella bocca e lo spavento. Assurdo quello che è successo a quest’uomo

 

Capita a tutti di non riuscire a dormire e spesso, dopo essersi rigirati nel letto mille volte, ci si alza. A notte fonda, il corpo si risveglia e inizia a sentire quel languorino che spinge a buttarsi sulla prima cosa – auspicalmente golosa – che si trova nella dispensa. E così è capitato a quest’uomo che a un certo punto ha avuto voglia di mangiarsi delle patatine fritte, ha preso un pacchetto nuovo e integro e ha cominciato a sgranocchiare le croccanti sfoglie di patata. Poi però qualcosa è letteralmente andato storto e il poveretto si è preso un bello spavento.

La vicenda, riportata dal Messaggero, è successa a Roma nei dintorni di piazza Vescovio.
(Continua a leggere dopo la foto)



A notte fonda, complice l’insonnia, ha avuto voglia di fare uno spuntino e per questo ha preso un pacchetto di patatine perfettamente confezionato. Si è messo a mangiarle una dopo l’altra. Ma ad un certo punto in bocca si è ritrovato un pezzo di plastica duro. Fortunatamente se ne è accorto e non lo ha ingerito. È capitato a un uomo sulla cinquantina che risiede nei pressi di piazza di Vescovio mentre la sua famiglia è in vacanza.
(Continua a leggere dopo la foto)


L’uomo, sbigottito e un po’ impaurito da quello che sarebbe potuto accadere se avesse ingoiato il pezzo di plastica, s’è rivolto ai carabinieri ai quali ha fatto una denuncia nero su bianco. È stato sequestrato anche il pezzo di plastica nero e ora il Nucleo Antisofisticazione dei carabinieri sta indagando.
(Continua a leggere dopo la foto)


Secondo gli investigatori, il pacchetto potrebbe essere stato aperto e poi richiuso da chissà chi. Ma è anche possibile che si sia trattato di un errore di lavorazione.

Ti potrebbe interessare anche: Hai appena ingoiato una gomma da masticare? Ecco quali sono le conseguenze e tutto quello che c’è da sapere. In alcuni casi occorre prestare molta attenzione. È pericoloso. Vi spieghiamo perché

Pubblicato il alle ore 19:06 Ultima modifica il alle ore 11:28