Facciamo la dieta del finocchio? In una settimana ti depura, ti sgonfia ma soprattutto ti fa perdere una taglia…


Non riesci a liberarti di quei due chili in più che ti separano dal tuo peso ideale? Potrebbe trattarsi solo di ritenzione idrica, colpa di sale, zuccheri e un’idratazione insufficiente. Pensa che eliminare i liquidi in eccesso e combattere i gonfiori è meno difficile di quanto sembra. Bastano sole due settimane di dieta detox, che privilegia il finocchio, una verdura di stagione ricca di proprietà drenanti, depuranti e che ti aiuta a far tornare la pancia piatta, perché aiuta la digestione e di conseguenza elimina i gonfiori e le tossine. Ecco in cosa consiste la dieta e quali consigli seguire.

1. Bevi tanta acqua (almeno 2 litri al giorno) specialmente lontano dai pasti, in modo di eliminare le tossine. Se hai un attacco di fame tra un pasto e l’altro, mastica lentamente uno spicchio di finocchio crudo, che riuscirà a smorzare la fame con pochissime calorie. Mangiare finocchio tutti i giorni, ti aiuterò a ridare luce e idratazione alla pelle.

2. Durante la giornata durante la dieta, e nelle due settimane successive, non dimenticare di bere la tisana al finocchio, in modo da accelerare l’eliminazione delle tossine e contrastare gonfiori addominali e ritenzione idrica. Si prepara con una miscela di frutti di finocchio, radice di liquirizia, frutti di carvi, anice verde, coriandolo, angelica e timo, che puoi chiedere di preparare al tuo erborista.

(Continua a leggere dopo la foto…)







 

3. Per quanto riguarda la colazione detox è molto semplice, basta preparare una  tazza di caffé d’orzo (senza zucchero o con dolcificante) e una di latte (200 ml) con 30 g di cornflakes.

4. Non evitare mai di fare spuntini, aiutano a non arrivare affamati a pranzo e tengono attivo il metabolismo. Nella dieta del finocchio ne sono previsti due al giorno. Uno il mattino (un vasetto di yogurt magro alla frutta) e uno il pomeriggio (un centrifugato di finocchio ipocalorico e disintossicante)

5. Non bisogna patire la fame per depurarsi, basta controllare le quantità e le varietà dei cibi che si mangiano. Il pranzo della dieta al finocchio, prevede 50 g di pasta o di riso conditi con verdura o sughi leggeri; per secondo: 60 g di bresaola o 150 g di pollo o 100 g di fiocchi di latte, 20 g di grana in scaglie (per condire l’insalata); 200 g di pesce magro, seguiti da un contorno di verdura, preferibilmente finocchi, cucinati nei modi più vari, basta non eccedere nei grassi dei condimenti.

6. A cena puoi sbizzarrirti con le zuppe,  seguite da una frittata con verdure, oppure da pesce o carne bianca, verdure gratinate con aggiunta di carne o formaggi. Per concludere in dolcezza potete con serenità mangiarvi un frutto (mandarino, mela verde), a giorni alterni però.

Ti potrebbe interessare anche: Una settimana e ciao chili di troppo… Con la dieta del limone che ti fa bella dentro e fuori

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it