Auto e moto, mascherine obbligatorie: le regole per conviventi, amici e congiunti


In Italia non cessa l’ascesa dei numeri da positivi al Covid, è per questa motivazione che si ritiene di fondamentale importanza il fatto che ogni cittadino si impegni a proteggere sé stesso e gli altri dal contagio. Un senso civico che deve essere acuito e migliorato. Gli esperti sono unanimi: è vitale l’utilizzo della mascherina. Presidio che da qualche giorno è obbligatorio anche all’aperto e non solo nei luoghi chiusi. Oltre l’obbligo all’aperto, sussistono poi delle micro eccezioni alle norme delle quali è bene essere informati.

In tanti, per fare un esempio, si domandano se la mascherina vada indossata anche in auto e in moto. Iniziamo rimarcando il concetto che, stando a quanto previsto dal dpcm del 13 ottobre (in vigore dal 14 di ottobre), solo chi viaggia in compagnia dei propri conviventi può stare all’interno di un abitacolo senza il dispositivo. La regola è estesa chiaramente anche al caso di congiunti non conviventi. Chiunque trasgredisca incomberà in una multa da 400 a 1000 euro. (Continua dopo le foto)











Le casistiche precedentemente descritte sono soggette a modifiche quando si ha a che fare con auto a noleggio e taxi. Infatti, per quanto riguarda questi casi, l’obbligo di indossare la mascherina è vigente. Oltretutto, nessuno può sedersi sul sedile anteriore del passeggero e il numero massimo di persone in auto non può essere più di 3, ossia il guidatore e le due persone che dovranno sedere dietro, entrambe vicino ai finestrini, con il posto in mezzo libero. In moto le regole rimangono le medesime. Il passeggero, trovandosi all’aperto, è obbligato ad indossare la mascherina e a viaggiare in solitaria, in quanto nessun sellino potrebbe garantire un giusto distanziamento. (Continua dopo le foto)



Fatta eccezione per i centauri che viaggiano con conviventi o congiunti non conviventi, in quel caso si può condividere il mezzo, ma sempre con la mascherina indossata. Il presidio medico è obbligatorio anche se si va in bicicletta o con il monopattino elettrico, in quanto trattasi di attività svolte all’aperto. Ovviamente è vietato viaggiare in due su monopattini e biciclette, fatta eccezione per i bambini trasportati in bici da un genitore o convivente. Per quanto riguarda il monopattino, la multa sarebbe duplice poiché oltre al mancato rispetto dell’obbligo di mascherina, per cui sono già previsti  dai 400 ai 1000 di sanzione, si violerebbe anche il Codice della Strada.

“La firma nella notte”. Coronavirus, il nuovo Dpcm è realtà: cosa prevede

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it