Prurito insopportabile e dolore alla vagina: ti hanno detto che si tratta di candida, hai provato a curarla ma non è cambiato nulla. Attenta: potrebbe essere qualcosa di molto peggio. Prima di leggere la verità, siediti


 

Rossore, gonfiore, prurito alle parti intime: ovvio, pensi subito di avere la candida. Ma non è detto che sia la verità. Potrebbe essere qualcosa di molto peggio. Preparati, perché la verità non ti piacerà neanche un po’. I sintomi di cui sopra potrebbero essere quelli di un’allergia allo sperma. E vero, è una cosa piuttosto rara ma esiste. Oltre che rara, è anche assai difficile da individuare: spesso, infatti, neanche i medici si rendono conto del problema se non quando è troppo tardi. Ci sono però cose che dovresti sapere. Secondo la International Society for Sexual Medicine, si tratta di una allergia alle proteine contenute nello sperma. Come dicevamo sopra, i sintomi più comuni sono: rossore, gonfiore, dolore, prurito e bruciore alla vagina. I fastidi in questione iniziano da 10 a 30 minuti dopo il contatto con lo sperma. I sintomi non si manifestano solo in vagina ma possono riguardare la pelle in generale o l’area della bocca. Ma è un’allergia pericolosa o no? E una cosa abbastanza seria e può avere effetti su tutto il corpo. Può dare problemi di respirazione, provocare choc anafilattico o reazioni che possono mettere a rischio la vita. Continua a leggere dopo la foto 



“Non è così comune – ha spiegato a Self magazine Jennifer Wider, esperta di salute femminile – e i medici individuano solamente pochi casi perché non sono abituati a una malattia come questa”. Ma cosa si può fare per evitare problemi? Evitare il sesso non protetto, è questa la raccomandazione di Maureen Whelihan, ginecologo presso il Center for Sexual Health & Education. ”È vero, i sintomi dell’allergia allo sperma possono essere molto seri e portare al peggio ma è anche vero che casi come questo sono davvero rari”. Come si riconosce un’allergia di questo tipo? I sintomi sono similissimi alla candida. Ecco perché è difficile distinguere le due cose. Ma un modo ci sarà per distinguerle… Sì. In effetti, mentre una delle caratteristiche principali della candida sono le perdite simili alla ricotta, questo sintomo non si ritrova nell’allergia allo sperma. Quali esami si fanno per individuare un’allergia allo sperma? Lo ha detto Sherry Ross, ginecologa di Santa Monica. Continua a leggere dopo le foto


 


 

 

In genere i medici testano allergie al latex, agli spermicidi, ai lubrificanti prima di andare a vedere se, per caso, una certa donna è allergica allo sperma. Se si sospetta allergia allo sperma, il ginecologo manderà la donna a fare un test della pelle insieme al partner per confermarla o smentirla. E se fossi davvero allergica allo sperma del mio compagno? Secondo uno studio pubblicato sull’Obstetrics and Gynecology, per curare un’allergia di questo tipo, si può usare la desensibilizzazione vaginale. Anche l’uso dei preservativi aiuta così come l’assunzione di antistaminici prima di un rapporto sessuale non protetto. Quali possono essere le complicazioni  dell’allergia da sperma? Può essere difficile restare incinta. Anche se, con l’inseminazione artificiale, può accadere. No, una volta che una donna resta incinta, l’allergia non crea problemi. Pensi di avere un’allergia allo sperma? Contatta il tuo dottore dopo aver tenuto per un po’ un diario dove avrai annotato tutti i sintomi momento per momento. 

Leggi anche:  Le avevano consigliato di adottare una coppia di mici per combattere l’allergia. Da due, poi, sono diventati molti di più fino a quando il marito non ha detto basta. E lei lo ha minacciato così…