“Mio marito è andato via per lavoro, è tornato a casa in una bara”


Si chiamava Orazio Condorelli, aveva 47 anni ed era un operai metalmeccanico. Era siciliano e il 16 marzo scorso doveva tornare dalla sua famiglia. Dopo un lavoro in Spagna è tornato per completare un lavoro ad Albino, in provincia di Bergamo, proprio nei giorni culminanti del contagio del Coronavirus. Dai primi sintomi influenzali al ricovero in terapia intensiva, una settimana di silenzio poi il decesso. Lo strazio, il rimorso dei figli e della moglie per non avergli dato l’ultimo saluto:”Mio marito non aveva problemi di spostarsi con il suo lavoro – ha raccontato a fanpage Concetta, la moglie di Orazio – perché sapeva fare tutto, dove lo portavano si adeguava al lavoro, all’ambiante e a tutto.

Lavorava ad Albino, con una ditta di Bergamo – continua la moglie – era in officina che preparava i pezzi, poi li montava, sapeva fare di tutto”. Dopo il contagio è stato male – ha detto la moglie – tosse, raffreddore, sembrava una banale influenza ma i giorni passavano e lui peggiorava, io stessa gli dicevo di andare in guardia medica, mi ascoltò e dopo la visita lo portarono direttamente all’ospedale Locatelli di Bergamo perché positivo al Covid-19”. Dall’ossigeno al casco respiratorio, da lì inizia il suo calvario. (Continua a leggere dopo la foto)








Orazio quotidianamente, si teneva in contatto con la sua famiglia attraverso le videochiamate. Sembrava fosse stabile ma giornalmente la sua situazione peggiorava fino allo spostamento in terapia intensiva. “Le chiamate duravano 3 o 4 minuti – ha raccontato la moglie Concetta – perché mi diceva che non ce la faceva più a parlare, fino a quando gli hanno messo questo casco respiratorio. Eravamo tutti preoccupati – continua la moglie – sentivo il medico ogni giorno e mi comunicavano che era normale, stabile e che dovevo avere pazienza perché la malattia si doveva curare così”. (Continua a leggere dopo la foto)






“Orazio – racconta la moglie Concetta – era un uomo sano, non aveva mai avuto malattie e non soffriva di patologie al cuore o in altri organi.”Penso che gli hanno fatto scoppiare il cuore dall’affaticamento – continua – quei dieci giorni di ricovero è stato curato male e l’ultima settimana, anche se era intubato, non ce l’ha fatta perché era stanco e il cuore non ha retto”. Orazio Condorelli, lascia la moglie di 40 anni e due figli: Emanuele di 18 e Gloria di 14 anni. “Mio papà un grande uomo, una grande persona, un lavoratore, non ci faceva mancare niente, non ci sono parole come poterlo definire”. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Sono le parole strazianti del figlio di Orazio, Emanuele di 18 anni che ha visto solo in videochiamata l’ultimo saluto del papà, ricoverato al nord Italia, lontano da casa sua e dalla sua famiglia. “Porterò sempre un bel ricordo di lui – continua il figlio Emanuele – ho a casa alcuni oggetti che conserverò per sempre, creati con lamiere di alluminio e di legno – ha raccontato Emanuele – non abbiamo potuto fare neanche un giusto funerale per lui che lo meritava. “Quando finirà tutto – conclude Emanuele – sarà fatta una messa in suo onore come si deve, lo meritava veramente il mio papà”.

Ti potrebbe anche interessare: Coronavirus, trasportatore positivo al test continua a lavorare e gira l’Italia intera

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it