Coronavirus, “Fondamentali i primi 7 giorni, ecco cosa stiamo sottovalutando”


“I primi 7 giorni di malattia sono fondamentali. Se facessimo tamponi rapidi a chi ha pochi sintomi e iniziassimo subito a curarli, molti pazienti non avrebbero bisogno dell’ospedale. La fase iniziale della patologia è importantissima e la stiamo sottovalutando: è gravissimo il fatto che non si agisca, laddove possiamo ridurre il danno”. Così Francesco Le Foche, responsabile del Day Hospital di immunoinfettivologia al Policlinico Umberto I Università La Sapienza di Roma, commenta l’emergenza sanitaria coronavirus in Italia all’Ansa.

Per l’esperto è dunque fondamentale aumentare il numero di tamponi per individuare quanti più contagiati possibile in modo da avviare subito le cure che in molti casi potrebbero anche consentire di non far ricorso all’ospedale. “Le terapie intensive sono in sovraccarico perché abbiamo un ritardo nell’individuare i pazienti con sintomi e nell’iniziare a trattarli con antivirali che permettono di ridurre la replicazione del virus e evitare il peggioramento”, aggiunge Le Foche. (Continua dopo la foto)







L’immunologo sottolinea anche che “nelle prime 72 ore dopo i primi sintomi di Covid-19 avviene il danno virale nelle cellule del polmone profondo”. “Dopo c’è una risposta del sistema immunitario, che crea una infiammazione simile a quella che si rileva nelle polmoniti interstiziali autoimmuni e dovuta alla cascata citochinica, che si sovrappone al danno fatto da virus. E, dopo circa 7 giorni, si arriva a un bivio”. (Continua dopo la foto)






“L’80% dei casi migliora – continua Francesco Le Foche – , l’altro 20% può andare incontro a un interessamento del polmone profondo che induce una polmonite interstiziale bilaterali”. È nei primi giorni che, secondo l’esperto, “sprechiamo tempo prezioso, nella prima settimana abbiamo una artiglieria che non risponde. Per questi pazienti, oggi in Italia non si fa nulla, spesso non vengono individuati e quelli individuati vengono solo messi in isolamento domiciliare fiduciario”. (Continua dopo la foto)



 


Il paziente paucisintomatico (ovvero con pochi sintomi) “va trattato con idrossiclorodina, vecchio antimalarico orale, molto attivo sia come immunomodulante che nell’abbassare la capacità del virus di replicarsi, e tollerabilissimo”, aggiunge Le Foche. E poi ci sono poi marcatori sierologici, come proteina C reattiva, ferritina, Ldh e emocromo, che “andrebbero utilizzati per individuare precocemente, con analisi del sangue da effettuare già nei primi quattro giorni, coloro che andranno incontro a una risposta immunologica molto forte, che porta alla terapia intensiva. A questi pazienti si può iniziare il trattamento con tocilizumab, farmaco per l’artrite, per il quale è partita una sperimentazione”.

Coronavirus, “l’autocertificazione cambia ancora”. L’avviso del capo della polizia

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it