Coronavirus, “chi guarisce contagia anche dopo”. La brutta notizia dall’Oms


“Le persone contagiate da Covid19 possono infettare gli altri dopo che non si sentono più male, quindi le misure di protezione dovrebbero continuare per almeno 2 settimane dopo la scomparsa dei sintomi”. Lo ha sottolineato in conferenza stampa a Ginevra il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus. Ormai ci sono “più casi e decessi nel resto del mondo che in Cina”, ha aggiunto, sottolineando che “abbiamo assistito a una rapida escalation delle misure di distanziamento sociale, come la chiusura delle scuole e la cancellazione di eventi sportivi e altri incontri”.

E continua: “Ma non abbiamo visto un’escalation altrettanto urgente nei test, nell’isolamento e nel tracciamento dei contatti, che è il pilastro della risposta a Covid-19”. “Le misure di allontanamento sociale possono aiutare a ridurre la trasmissione – ha insistito il Dg Oms – e consentire ai sistemi sanitari di far fronte all’emergenza. Ma da sole, non sono abbastanza per estinguere questa pandemia. È la combinazione che fa la differenza. Come continuo a dire, tutti i Paesi devono adottare un approccio globale”. “Il modo più efficace per prevenire le infezioni e salvare vite umane è rompere le catene della trasmissione. (Continua a leggere dopo la foto)







Per farlo – ha insistito Ghebreyesus – , è necessario testare e isolare. Non si può combattere un fuoco con gli occhi bendati. E non possiamo fermare questa pandemia se non sappiamo chi è infetto”. “Ogni giorno – ha sottolineato Ghebreyesus – vengono prodotti più test per soddisfare la domanda globale. L’Oms ha spedito quasi 1,5 milioni di test in 120 Paesi. Collaboriamo con le aziende per aumentare la disponibilità di test per i più bisognosi”. (Continua a leggere dopo la foto)






Il direttore dell’Oms ha poi sottolineato che “anche se sembra che gli anziani siano i soggetti più colpiti” da Covid-19, “si sono verificati casi gravi e morti anche fra giovani e bambini. L’Oms ha pubblicato una nuova guida clinica, con dettagli specifici su come prendersi cura di bambini, anziani e donne in gravidanza”. “Quello che sappiamo a oggi – gli ha fatto eco Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico del programma per le emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms)- è che i bambini sono suscettibili all’infezione, che sviluppano forme più lievi di malattia, ma abbiamo anche visto bambini morire. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Dobbiamo difenderli come categoria sensibile. Quello che non sappiamo – ha affermato Van Kerkhove – perché non abbiamo ancora i risultati dei test sierologici, è l’estensione delle infezioni asintomatiche nei bambini. Quando saranno disponibili, questo ci aiuterà a capire meglio che ruolo stanno giocando i più piccoli in questa pandemia”, ha concluso l’esperta.

Ti potrebbe anche interessare: Il Commissario Montalbano, Luca Zingaretti può esultare: la (bella) notizia poco fa

Caffeina News by AdnKronos
(www.akdnkronos.com)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it