Coronavirus Italia, la terza vittima italiana è Angela: aveva 68 anni


Il Coronavirus in Italia ha fatto la sua terza vittima: si chiamava Angela Denti Tarzia. Aveva 68 anni ed era ricoverata da cinque giorni nel reparto di Oncologia dell’ospedale di Crema. Le sue condizioni di salute erano già molto compromesse. La donna, classe 1952, era residente a Trescore Cremasco: vedova e mamma di 3 figli era ricoverata dal 18 febbraio in nosocomio. “È una signora anziana che era ricoverata in oncologia all’ospedale di Crema con una situazione molto compromessa”, le parole dell’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, in conferenza stampa.

Prima di essere ricoverata nel nosocomio di Crema, era stata anche all’ospedale di Cremona. Questo rende più complesso ricostruire i suoi legami con altri pazienti malati. Sono 112 le persone che finora sono risultate positive al virus in Lombardia. Di queste 53 sono ricoverate in ospedale (17 sono in terapia intensiva). (Continua a leggere dopo la foto)






I casi si riscontrano ormai in quasi tutta la Regione. Sono tre a Bergamo, 14 a Cremona, 49 a Lodi, uno a Monza, due a Milano, sei a Pavia, uno di Sondrio e 36 da verificare. “È una polmonite aggressiva, ma circa metà delle persone la supera senza particolari problemi, molti altri ci riescono con una cura farmacologica, poi ci sono altre persone per cui è necessario qualcosa di più”, ha spiegato Gallera. (Continua a leggere dopo la foto)






La virologa Ilaria Capua ha spiegato come sia ora necessario “il più grosso sforzo di responsabilità collettiva della nostra Storia” perché “il problema vero di questa malattia è infatti che si infettino tantissime persone contemporaneamente”. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Non c’è da stupirsi, ha sottolineato la scienziata, che il contagio sia arrivato a noi. “Non c’è tempo per fake news, teorie del complotto, negozionismo – ha avvertito -. È un’emergenza sanitaria, questa, che non riguarda noi come singoli, ma che ci riguarda come comunità e come sistema Paese. Noi dobbiamo essere parte della soluzione e non parte del problema”.

Ti potrebbe anche interessare: Le Pen, chiudere le frontiere con l’Italia è un’opzione: “Si fa troppo poco per contenere il coronavirus”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it