Solo nel “nord del mondo” si soffre di insonnia. E come si dorme nel resto del pianeta?


Alzi la mano chi soffre di insonnia.. Beh, forse un rimedio c’è, basta studiare le caratteristiche del sonno delle diverse epoche storiche e delle diverse regioni del mondo. Per noi è normale: ci mettiamo nel letto, magari con la tele accesa, poi spegniamo la luce, mandiamo un messaggino della buonanotte, ma come si dorme nel resto del mondo? E noi saremmo in grado di dormire così?

(Continua a leggere dopo la foto)








1) Sapete dormire in mezzo al fracasso? Beh, perché non avete mai avuto necessità di dormire in un treno africano dove oltre al rumore c’è da considerare la scomodità del giaciglio. I local, quelli che sono abituati, si sveglierebbero ristorati…Noi, invece, saremmo a pezzi. Questione di abitudine. E di aspettative sulla qualità e la quantità di sonno.

(Continua a leggere dopo la foto)




2) Nel nord del mondo guai a dormire con un bambino nel letto: è considerato pericoloso. Nel resto del mondo guai a dormire senza bambini nel letto, se si hanno bambini, certamente. Come afferma l’antropologa della Emory University Carol Worthman: «È un uso pressoché universale che i bambini non dormano mai da soli». Non solo, se si fa dormire un bimbo piccolo in una stanza diversa, quello è considerato un maltrattamento.

(Continua a leggere dopo la foto)


3) Avete mai pensato che non tutti nel mondo hanno l’elettricità? Pensateci. Tutti quelli che dormono senza elettricità dormono meglio: non hanno aspettative di sonno particolari e non pensano di poter dormire la notte tutta d’un fiato.. 

Ma allora perché, ora che le condizioni di vita sono migliorate, si dorme meno e peggio? Forse la domanda è: sono veramente migliorate le condizioni di vita?

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it