Occhi, rivoluzione in 15 minuti: basta occhiali per la lettura da vicino


Presbiopia, termine un po’ difficile ma molto noto: nel mondo ne soffrono oltre un miliardo di persone. La presbiopia è un fenomeno naturale per cui la vista da vicino si offusca, rendendo difficile la messa a fuoco mentre si legge, si usa il telefono cellulare, o si lavora al computer. Non è né un disturbo né una malattia ed è molto comune con l’avanzare dell’età. Ciò non toglie che sia un qualcosa di fastidioso che obbliga all’uso di lenti in grado di aiutare l’occhio a mettere a fuoco. Però la scienza starebbe per compiere un passo in avanti eccezionale, mandando in pensione gli occhiali da lettura. Un piccolo dispositivo a forma di anello – chiamato Kamra – che si impianta nell’occhio in 15 minuti con anestesia locale, e consente la lettura da vicino senza occhiali. E’ la promessa che arriva da una sperimentazione clinica svolta in vari paesi del mondo e presentata da John Vukich, oftalmologo della University of Wisconsin a Madison.(continua dopo la foto)








Il congegno è in fase di approvazione da parte dell’organo regolatorio statunitense Food and Drug Administration, mentre in altri paesi come può essere già richiesto ma solo privatamente. Una “trovata” in grado di rivoluzionare la vita a un numero elevato di persone. La presbiopia è molto comune con l’avanzare dell’età e dipende dall’elasticità dei movimenti della lente dell’occhio, il cristallino, necessari per mettere a fuoco. Kamra è un anellino di 3,8 millimetri di diametro con un foro centrale che funziona come obiettivo di una macchina fotografica che allunga o accorcia a seconda della distanza dall’oggetto da mettere a fuoco. Kamra si innesta nella cornea con un semplice intervento che è rimovibile qualora dovessero insorgere dei problemi. Il dispositivo è risultato efficace ai test clinici nell’83% per cento dei pazienti in cui è stato impiantato. Le persone hanno riportato un miglioramento della visione da vicino consistente, tale da permettergli di leggere scritte piccole come quelle di un quotidiano o da consentirgli la guida. 






Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it