“Non mangiatelo!”. L’allerta del Ministero della salute: “Presenza di Listeria monocytogenes”


Se avete comprato del salame, ultimamente, state attenti. In alcuni prodotti è stata riscontrata la possibilità di presenza di Listeria monocytogenes. Questo il motivo che ha indotto il ministero della Salute a diffondere nell’apposita sezione sul proprio sito web un avviso di richiamo di un salame prodotto dall’azienda “Nativa 2018 Srl”. Il prodotto interessato è venduto intero con un peso di 1 Kg circa relativo al trancio intero con il numero di lotto 2819 e con le date di scadenza 04/12/2019, 03/01/2020, 10/01/2020, 16/01/2020, 17/01/2020, 23/04/2020, 26/04/2020 e 01/05/2020.

Nell’avviso si legge che il motivo del richiamo, a scopo precauzionale, arriva per un potenziale rischio di contaminazione microbiologica da Listeria Monocytogenes. Come riportato, il marchio di identificazione dello stabilimento/del produttore è “Nativa 2018 srl – IT 1342L Ce”, il nome del produttore è “Nativa 2018 srl”, con sede dello stabilimento in Via Volta n 45 a Concamarise in provincia di Verona. Continua a leggere dopo la foto








La clientela in possesso della Salame Stellino è chiaramente invitata a non consumare il prodotto e a riportarlo al punto vendita dove lo si è acquistato. La listeriosi può provocare nausea, vomito e diarrea, ma anche infezioni più gravi, come la meningite. Si tratta di un’infezione che si trasmette per via alimentare e può essere pericoloso soprattutto per le persone con basse difese immunitarie come bambini ed anziani. Continua a leggere dopo la foto





L’avviso di richiamo del lotto è stato pubblicato sul portale del ministero della Salute. Non è il primo prodotto richiamato dagli scaffali per una possibile contaminazione da Listeria. Solo nel mese di ottobre gli avvisi hanno riguardato un lotto di mortadella confezionata, venduta nei supermercati Conad, e alcuni prodotti della Wilke Waldecker Fleisch- und Wurstwaren GmbH & Co. Continua a leggere dopo la foto


 


KG, marchio di identità “DE EV 203 EG”. Senza poi contare il caso Listeria in Spagna dove le vittime sono già tre e 196 i casi confermati. Occhio quindi, controllate il lotto e nel caso di consumo già affettuato andate al pronto soccorso o chiamate il medico.

Ti potrebbe anche interessare: Antonella Clerici torna sul suo addio (forzato) da “La prova del cuoco”. E quello che rivela è assurdo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it