Punta da una zanzara: febbre, dolori muscolari. Muore 3 giorni dopo a 25 anni


Oltre a essere molto fastidiose, in alcuni casi le zanzare possono essere letali. Per fortuna si tratta di eccezioni, comunque presenti in natura e spesso dipende dalla particolari condizioni di chi viene punto. È ciò che è successo a una 25enne di origine tailandese, di nome Apitchaya Jareondee. Come raccontato dal britannico Sun, è morta tre giorni dopo essere stata vittima di una zanzara.

La giovane ha cominciato ad avvertire febbre e dolori muscolari, ma come comprensibile ha pensato potesse trattarsi di una semplice influenza, non impossibile anche durante i mesi caldi. Ma sono bastati pochi giorni affinché la sua situazione si aggravasse.







Per Apitchaya si parla di dengue, a causa di una puntura di zanzara che si era aggravata con un’infezione scatenando una emorragia interna e diverse insufficienze organiche che le sono state fatali. Sia lei che altri della sua famiglia hanno cominciato a soffrire di sintomi influenzali. Così si sono sottposti a esami ad hoc che hanno evidenziato la presenza di dengue. Ad avere la peggio, però, è stata la 25enne che, dopo 3 giorni dal ricovero, è deceduta.




Dalla sua famiglia hanno spiegato che nel periodo delle piogge in quella zona tutti avevano preso misure contro le zanzare, risultate vane nel caso di Apitchaya. La dengue è una malattia infettiva tropicale di cui si è cominciato a parlare anche in Occidente per effetto dei cambi climatici e della mobilità tra i continenti.


È causata dal virus dengue, che tuttavia non è sempre mortale, ma può portare a delle complicazioni, come nel caso raccontato. E non esiste un vaccino per questa malattia, solo precauzioni contro il principale vettore di trasmissione: le zanzare.

Zanzare: perché pungono te e non altri. Pelle, ‘sangue dolce’ e altri fattori

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it