Disastro in piscina: 20 persone finiscono in ospedale, 16 sono bambini


Doveva essere una normalissima giornata in piscina, doveva essere un mercoledì diverso, di divertimento e spensieratezza. Si è trasformato in un inferno. Ci sono stati infatti attimi di grande pianura questa mattina alla piscina di Santarcangelo di Romagna, dove molte persone che stavano facendo il bagno hanno iniziato ad accusare gravi malori. Non era niente di inerenti a stomaco, a cibo mangiato troppo in fretta, digestioni interrotte o bibite troppo fredde. I malesseri erano molto più gravi e si sono manifestati con grande intensità.

Le persone, soprattutto bambini hanno iniziato a respirare male, in maniera affannosa e complicata, manifestando crisi polmonari. L’allarme è scattato intorno alle 10 di questa mattina e solo ora sono venute fuori le cause di questi malori. Stando a quanto si legge sui siti di informazioni locale si tratterebbe infatti di una intossicazione da cloro. Qui di seguito proveremo a spiegarvi in che forme si manifesta e cosa è successo questa mattina. Continua a leggere dopo la foto.







Siamo, come vi dicevamo in apertura, in Emilia Romagna, precisamente in provincia di Rimini, a Santarcangelo di Romagna. Nella struttura in via Giovanni Falcone qualcosa va storto e subito, dopo i primi malori, arrivano diverse ambulanze chiamate sia dai gestori che dai famigliari delle persone colpite. Sono diciannove in totale, di cui sedici bambini e tre adulti, immediatamente trasferiti nei vicini ospedali di Cesena, Santarcangelo e Rimini per le cure mediche del caso. Ad ora nessuno sembra in pericolo di vita ma la paura è stata tanta. Continua a leggere dopo la foto.






Sul poso anche il reparto speciale dei Vigili del Fuoco specializzato in contaminazioni che ha dichiarato come ipotesi più probabile di questi malori un’anomalia nel sistema automatico di pulizia della piscina. Il che ha provocato un aumento sopra la norma del livello del cloro. Che può letteralmente avvelenare il nostro corpo con sintomi che si manifestano innanzitutto a livello respiratorio, portando alla creazione di liquido nei polmoni. Continua a leggere dopo la foto.



Danni si possono verificare anche all’apparato digerente con bruciore in bocca, gonfiore della gola, mal di gola, mal di stomaco, vomito e sangue nelle feci e rischi ci sono anche per la circolazione. Ora sl posto stanno continuando i rilievi, i risultati saranno resi noti tra qualche giorno.

Zanzare: perché pungono te e non altri. Pelle, ‘sangue dolce’ e altri fattori

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it