Infezioni ospedaliere, Italia maglia nera in Europa. 530mila casi all’anno


Italia ‘maglia nera’ in Europa per le infezioni ospedaliere, con 530 mila casi all’anno. Un problema non immediatamente visibile ma molto concreto e purtroppo in peggioramento, come rivelano i dati riportati dal Centro Europeo malattie infettive (Ecdc): ogni anno sono circa 33 mila in Ue le persone che muoiono per infezioni da batteri resistenti agli antibiotici, la maggior parte contratte in ospedale, di cui circa un terzo solo nel nostro Paese. Ma quello che emerge in maniera altrettanto evidente dallo studio dell’Ecdc è che oggi in Italia la probabilità di contrarre infezioni durante un ricovero è del 6%; i decessi ogni anno sono 7.800, pari al doppio delle morti legate agli incidenti stradali. Numeri che pongono l’Italia in vetta alla classifiche europee.

Secondo gli esperti “si tratta infatti di un allargamento della forbice dovuto all’aumento dei pazienti più ‘fragili’, con un’età superiore ai 65 anni, all’utilizzo di sistemi sempre più invasivi per l’organismo umano come cateteri o endoscopi che costituiscono veicoli di batteri, ma soprattutto alla scarsa adozione di strategie di prevenzione”. Il tema delle infezioni correlate all’assistenza ospedaliera sarà al centro del dibattito, in occasione della 13esima edizione del Risk Forum Management in Sanità, un momento di confronto su come innovare e riformare il Servizio sanitario nazionale (Ssn) e renderlo più efficiente e capace di rispondere ai bisogni di salute dei cittadini, che si terrà a Firenze da domani al 30 novembre. (continua dopo la foto)




Le infezioni ospedaliere si possono evitare e questo risultato è raggiungibile attraverso l’adozione di alcuni semplici ma fondamentali passaggi: dalla più nota pratica del lavaggio delle mani, al riscaldamento del paziente durante un’operazione chirurgica, all’uso di medicazioni in grado di tenere sotto controllo eventuali infezioni dovute all’accesso venoso attraverso il catetere. Per contrastare l’aumento delle infezioni correlate all’assistenza ospedaliera, l’azienda 3M lancia la campagna ‘Ospedale senza infezioni’ “con l’obiettivo di meglio informare i cittadini e diffondere un programma d’azione condiviso con gli operatori sanitari verso l’adozione di sempre più efficaci modelli di prevenzione”, sottolinea in una nota l’azienda internazionale.  (continua dopo la foto)



“Ricerca e innovazione sono sempre stati il motore della nostra azienda, ma con il lancio della campagna ‘Ospedale senza infezioni – avverte Patrizio Galletta, 3M Italia Country Business Leader Health Care – vogliamo supportare un passaggio culturale fondamentale nel nostro Paese sulla lotta alle infezioni ospedaliere, perché siamo convinti che il nostro contributo non debba limitarsi nel rendere disponibili tecnologie avanzate ma andare oltre, pensando al contesto in cui operiamo e a migliorare le condizioni dei pazienti che affrontano, ad esempio, un intervento chirurgico o una terapia oncologica – ricorda Galletta – Pazienti più informati e sicuri e personale sanitario aggiornato sulle migliori pratiche cliniche e sulle azioni più efficaci di prevenzione aiuteranno a ridurre gli eventi avversi correlati alle infezioni ospedaliere”. (continua dopo la foto)


 

Da un’altra prospettiva, l’impatto delle infezioni ospedaliere è devastante se si considera che rappresentano un rischio fatale quanto la somma delle maggiori malattie infettive messe insieme: influenza, tubercolosi e Hiv. “Per questo motivo è più che mai necessario aumentare la consapevolezza dei cittadini e sensibilizzare gli operatori sanitari sul tema della prevenzione e dell’antibiotico resistenza, affinché il Piano nazionale di contrasto dell’antimicrobico-resistenza (Pncar) 2017-2020, a cura del ministero della Salute – sottolineano gli esperti – entri a far parte definitivamente dei programmi condivisi e applicati da Regioni e ospedali. Corrette pratiche di prevenzione, che passano da rinnovati e adeguati protocolli, potrebbero ridurre del 20-30% questo ‘gap’ nel percorso assistenziale, concorrendo a migliorare anche l’impatto economico sul Ssn, considerato che i costi di trattamento di una singola infezione pesano dai 5 ai 9 mila euro”.

Caffeina news by AdnKronos

www.adnkronos.com